Fano, schianto all'alba: calciatori
miracolati, ma il conto sarà salato

Fano, schianto all'alba: calciatori miracolati, ma il conto sarà salato
di Andrea Amaduzzi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Agosto 2018, 08:15
FANO - E’ andata di lusso. Non succede infatti tanto spesso di andare a schiantarsi contro una ringhiera a cento all’ora e passa e di non farsi praticamente nulla. Che poi siano tutti e quattro gli occupanti dell’auto incidentata a riportare solo qualche piccola ammaccatura, è in odore di miracolo. Quell’impatto avvenuto lunedì poco prima dell’alba a Riccione avrà comunque conseguenze per i tre calciatori dell’Alma Juventus che si trovavano a bordo insieme ad una quarta persona dopo essersi concessi una serata sulla riviera romagnola. Loro pieno diritto, in principio di due giorni di riposo a seguire la vittoria sul Gubbio con qualificazione in Coppa, ma sulle modalità con cui è stato esercitato è stata la stessa società granata a passare la censura, annunciando provvedimenti che però, in attesa del verbale, non sono stati ancora specificati. Il conto, tra danni e sanzioni, sarà comunque salato.
Nel mirino Alexis Ferrante, 23 anni attaccante italo-argentino girato dal Pescara e poche ore prima in gol, che era al volante dell’Audi A2 di proprietà di Alberto Acquadro, centrocampista di un anno più giovane. Sarebbe stato quest’ultimo a chiedergli di guidare l’auto sulla quale viaggiavano anche Moussa Ndiaye, 19 anni, senegalese arrivato in granata sempre via Pescara dopo essere stato liberato dal fallimento del Cesena, e un amico di Ferrante.
 
Non è dato sapere se Acquadro ignorasse la circostanza che Ferrante fosse in possesso di una patente di guida argentina, di sicuro era consapevole di non risultare formalmente idoneo il giocatore di Buenos Aires che alla vista del posto di blocco dei Carabinieri, preso probabilmente dal panico, ha accelerato. Il tentativo di fuga, che difficilmente avrebbe avuto successo (la caserma è a due passi, in più la videosorveglianza in zona non manca) e che avrebbe comunque potuto innescare pericolosi sviluppi, si è arrestata quasi subito. Semidistrutta l’auto, divelta la ringhiera, integri appunto gli occupanti. Lo hanno costatato per primi i militari che hanno poi escluso risvolti penali. Il tasso alcolemico del conducente era appena al di sopra del limite consentito, la guida senza patente configura a sua volta un illecito amministrativo e così il mancato rispetto dell’alt. Insomma, multa, punti tolti alla patente (che però non c’è) e niente di più. C’è però un altro conto che rischia di essere decisamente più salato, quello dei danni da decine e decine di migliaia di euro provocati alla struttura e anche all’auto del compagno. In un contesto simile l’assicurazione si chiama fuori. Intanto i tifosi si dividono fra colpevolisti (la maggioranza) e buonisti. C’è chi pretende pubbliche scuse, mentre l’ipotesi che tra le misure del club granata possa esserci anche quella di obbligare i tre a fare volontariato resta per il momento solo un’idea.
© RIPRODUZIONE RISERVATA