Fondazione Carifano, 4 milioni per un triennio tra cultura, sociale e scuole di musica

Fondazione Carifano, 4 milioni per un triennio tra cultura, sociale e scuole di musica
Fondazione Carifano, 4 milioni per un triennio tra cultura, sociale e scuole di musica
di Massimo Foghetti
3 Minuti di Lettura
Martedì 25 Ottobre 2022, 05:30

FANO - È tempo di impostare le erogazioni per il prossimo anno per la Fondazione Cassa di Risparmio di Fano che, nella giornata di domenica scorsa ha svolto l’assemblea dei soci portando in approvazione il bilancio preventivo per il 2023 e il bilancio triennale, entrambi gli strumenti contabili approvati all’unanimità. 


Le stime prospettiche


Le stime del triennale 2023 – 2025, riferite dal presidente Giorgio Gragnola e dal segretario Vittorio Rosati ieri mattina in conferenza stampa, evidenziano come dagli investimenti del patrimonio della fondazione di 114,4 milioni di euro, si ottenga un rendimento medio del 2,68 per cento, pari a 9,195 milioni, ai quali si aggiungono 270.000 euro di rendimento del patrimonio immobiliare. In totale dunque le disponibilità per il prossimo triennio ammontano a 9.465 milioni di euro lordi, da cui vanno detratte le risorse relative agli accantonamenti, alle spese di funzionamento e oneri fiscali, fino ad ottenere un netto di 3,975 milioni di euro.
Le previsioni per il solo 2023 invece rilevano un rendimento netto del patrimonio leggermente inferiore a quello del triennale: del 2,48 per cento, pari a 2,928 milioni di euro, le cui disponibilità, anche qui detratte le spese di funzionamento si riducono a 1,325 milioni. E’ questa la cifra che per il 2023 verrà impiegata nei settori di intervento previsti dallo statuto. 


In particolare 250.000 euro verranno investiti in attività e beni culturali. Anche per il prossimo anno, la Fondazione ha in animo di proseguire l’attività già iniziata con il trentennale con eventi che, oltre a sviluppare la visibilità e la conoscenza della Fondazione stessa, possano valorizzare l’apporto dei giovani. In particolare: continuerà il recupero di palazzo Zagarelli; dal mese di aprile a quello di ottobre la pinacoteca di San Domenico continuerà ad essere un centro di attrazione per attività culturali; verrà incentivata la collaborazione con gli istituti scolastici e valorizzate le attività museali ed espositive di palazzo Bracci Pagani.


Al settore educazione, istruzione e formazione sono stati assegnati 275.000 euro. A questo proposito è stato rinnovato il supporto a FanoAteneo per un altro triennio per 180.000 euro, con quote di 60.000 euro all’anno; proseguiranno le iniziative rivolte alla sostenibilità, start up, storytelling e digital e continueranno a essere sostenute le numerose scuole di musica. Al settore famiglia e assistenza agli anziani sono stati assegnati 250.000 euro. Alla salute pubblica 200.000, con particolare attenzione al Centro Margherita. Altre 250.000 euro andranno al volontariato e beneficenza e 100.000 euro al settore dell’Ambiente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA