Fano, carotaggi contro i furbi degli asfalti. Il Comune archivia le gare al ribasso

Fano, carotaggi contro i furbi degli asfalti. Il Comune archivia le gare al ribasso (nella foto il sindaco Massimo Seri)
Fano, carotaggi contro i furbi degli asfalti. Il Comune archivia le gare al ribasso (nella foto il sindaco Massimo Seri)
di Massimo Foghetti
4 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Ottobre 2022, 06:20

FANO - Il tempo è buono, la temperatura è mite, tutto favorisce la ripresa del piano delle asfaltature intrapreso dall’Amministrazione Comunale, dopo che i lavori erano stati interrotti per l’aumento delle materie prime. Addirittura, come avevamo anticipato su queste colonne, grazie alle condizioni atmosferiche particolarmente favorevoli si asfalterà qualche strada in più del previsto. L’annuncio è stato dato ieri dal sindaco Massimo Seri e dall’assessora ai lavori pubblici Barbara Brunori.

Le periferie

«Già molte strade – ha riferito il sindaco - grazie a un appalto di 4 milioni di euro, sono state asfaltate, questa volta con particolare riferimento alla periferia; a queste si aggiungono un altro lotto di un milione e mezzo che verrà eseguito, se la buona stagione continua, entro il mese di dicembre». Ma non si tratta solo di asfalti, gli interventi programmati dalla pubblica amministrazione contemplano anche dei sondaggi per verificare se i lavori vengono fatti a regola d’arte. «Abbiamo deciso di fare dei carotaggi prima di ogni pagamento – ha evidenziato l’assessore Brunori – per accertare la bontà del materiale usato rispetto a quanto previsto dal capitolato, verifiche che comportano penali proporzionare all’eventuale discostamento su quanto richiesto, addirittura fino alla rimozione totale della bitumatura irregolare o alla decurtazione totale dei lavori; il materiale verrà analizzato in collaborazione con l’università di San Marino e col docente e ricercatore ingegner Andrea Grilli.

Gli accertamenti

«Soprattutto si accerterà se i lavori hanno interessato anche il livello sottostante per fornire maggiore stabilità alla asfaltatura. Abbia deciso inoltre di sempre più utilizzare, dove possibile, materiali di riciclo, anche questi testati e certificati, come riciclato per interventi profondi di ricostruzione della fondazione. Si tratta di metodi ecocompatibili che si avvalgono di pavimentazioni bitumate a freddo». Le verifiche introdotte hanno ridotto la pratica dei sub appalti e nell’assegnare i lavori il Comune ha deciso di non procedere più per gare al ribasso.

I precedenti

Con l’appalto dei 4 milioni sono state già asfaltate: la strada comunale di Ferriano, la strada comunale di Cerbara, via Lombardi, tutte le 15 vie dei laghi di Ponte Sasso, la strada comunale dei Pozzetti, la strada di Monte Giove, Monte Giove nuova e di Piaggio, la strada comunale della Gazza, la strada comunale di Ponte Alto, la strada del campo di aviazione, via del Ponte, la strada comunale del Pietrisco, via della Scuola, via Urbino, via di Villa Giulia, strada comunale della Galassa, via Mameli, la strada comunale della Tomba e quella della Tombaccia. Restano da asfaltare: i controviali di viale Cairoli, via Bellandra, via Galileo Galilei, via Fossa Sant’Orso, via dei Condotti, via Giannone, via Cuoco, via Giusti e piazza del Popolo; e inoltre: la strada comunale di Monteschiantello, viale Mariotti e piazzale Bonci.

Le aggiunte

A queste si aggiungono le strade asfaltate dall’Aset a Sant’Orso: via Volta, via Volterra, via Battelli, via Cappelli, via Marco Polo, via Barsanti, via Meucci, via Vespucci, via Torricelli, via Macchiavelli e via Guicciardini. Restano ancora da asfaltare dopo l’intervento dell’Enel: via Magalotti, via Baccelli, via San Fortunato e via Celli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA