Le terme di Carignano votate come luogo del cuore Fai, bonificata la galleria sottorranea dell'acqua Orianna

La galleria dell'acqua Orianna 15 metri sottoterra
La galleria dell'acqua Orianna 15 metri sottoterra
di Andrea Amaduzzi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2022, 04:20

FANO - Anche le terme di Carignano in concorso tra i “Luoghi del cuore” promossi dal Fai e per i quali si può votare fino a fine anno. 103 i clic che si sono già guadagnate, conquistando per ora il secondo posto tra i siti marchigiani (soltanto 5 preferenze in più per Montefabbri) e il centodecimo posto su scala nazionale.

 

E’ anche attraverso questo canale che gli innamorati della struttura, confluiti nel gruppo social “Riapriteci le terme di Carignano”, intende tenere accesi i riflettori su una vicenda che ogni volta che fa segnare un passo in avanti, poi impiega mesi per evidenziare qualche altro progresso.

Al momento si resta fermi all’intervento di bonifica condotto poco più di un mese fa sulla galleria che custodisce la sorgente dell’acqua Orianna (una quindicina di metri sotto il livello del suolo) e sul pozzo che genera l’acqua sulfurea Beatrice, collocato ad una profondità di una decina di metri. Operazione funzionale ai campionamenti da trasmettere alla Regione per certificare i parametri biologici delle acque, come la normativa impone venga fatto ogni due anni ma che negli ultimi quattro nessuno si era dato premura di eseguire.

A rilevare l’inadempimento l’assessore regionale Aguzzi che aveva anche osservato come la proprietà non avesse ancora compiuto alcun passo ufficiale in Regione, rinfocolando così i dubbi già alimentati dai ripetuti slittamenti della presentazione del piano di rilancio.

Alla finestra c’è anche l’amministrazione comunale che con l’assessore all’Urbanistica Fanesi non può spingersi oltre gli ultimi contatti di qualche mese fa con l’avvocato Natali, referente di Gestioni Spedalità Private, dai quali era emerso «che la proprietà non aveva necessità di alcuna variante per dare attuazione al proprio progetto, che peraltro anche noi conosciamo solo per sommi capi». Anche i paletti fissati dalla Sovrintendenza, «relativi principalmente alla riduzione del commerciale e del consumo di solo», non rappresenterebbero un ostacolo ad un’operazione «che per quello che ci riguarda deve svilupparsi su due fronti, quello prettamente termale e quello turistico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA