Il mostro da 40 tonnellate a zig zag sull'autostrada: camionista ubriaco denunciato dopo l'inseguimento

Giovedì 18 Giugno 2020
Fano, il mostro da 40 tonnellate a zig zag sull'autostrada: camionista ubriaco denunciato dopo l'inseguimento

FANO - Un mostro da 40 tonnellate a zig zag sull'autostrada, guidato da un camionista pesantemente ubriaco: operazione mozafiato della Polizia sull'autostrada A14.

LEGGI ANCHE:
La badante cade dalle scale e batte la testa: soccorsi inutili, muore a 40 anni

Coronavirus, Marche vicine al traguardo: nessun morto per il terzo giorno consecutivo/ Il contagio nelle regioni in tempo reale


Il mezzo, dal peso complessivo di oltre 40 tonnellate, è stato intercettato inizialmente al km 212. Il mezzo in questione, con targa rumena, veniva avvistato mentre si muoveva , in maniera obliqua sulle tre corsie di scorrimento, arrivando ad impegnare, per lungo tratto l’intera carreggiata, compresa l’area di emergenza. Un serie di fasi concitate e mozzafiato, considerata la velocità di oltre 80/90 km orari tenuta dal mezzo – dalla stazza di quasi 440 quintali - , per circa 10 km . Gli agenti hanno inseguito il mezzo ricorrendo a tutta la perizia ed esperienza possibile per fermarne la folle corsa – ripetendo l’invito a fermarsi con i mezzi visivi e sonori. Alcuni automobilisti, che si sono trovati ad impegnare la carreggiata in quegli stessi interminabili istanti , solo per fortuita combinazione sono riusciti a non interferire con le pericolose manovre, ponendosi in salvo al margine delle coste. Solo a mezzo fermo, gli Agenti della Polstrada identificavano al posto di guida  un cittadino rumeno, solo a bordo in evidente stato psicofisico alterato. Sottoposto alle consuete prove etilometriche evidenziava una eccezionale positività: un tasso alcolemico di valore 2,73 (g/l). Gli Agenti della Polizia Stradale, denunciando il soggetto per guida in stato di ebbrezza, per la fattispecie più grave, hanno ipotizzato tutte le aggravanti poste in essere. La patente è stata immediatamente ritirata ed il mezzo fermato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA