Coca per Natale in arrivo dall’Olanda: in manette una cameriera e il compagno

Coca per Natale in arrivo dall Olanda: in manette una cameriera e il compagno
Coca per Natale in arrivo dall’Olanda: in manette una cameriera e il compagno
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Domenica 10 Dicembre 2023, 01:55 - Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre, 15:14

FANO - Droga sull’asse Italia-Olanda per rifornire la riviera da Ravenna a Fano. Un albanese e una giovane donna residenti in Strada Adriatica Sud convolti nell’operazione e finiti in carcere.


Il cane ha fiutato l’involucro


I carabinieri della compagnia di Ravenna, con l’ausilio del nucleo carabinieri cinofili di Pesaro Urbino e i militari di Fano, hanno dato esecuzione all’ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Ravenna nei confronti di 7 persone – italiani e stranieri – e all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per altre 4, per i reati di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e violazione della normativa sulle armi. Erano le 4 di giovedì scorso quando è scattata la perquisizione nella casa in zona Metaurilia dove vivono una 28enne di origini toscane, cameriera, con un precedente per furto, e un 30enne albanese che al momento del controllo non era in casa. Qui i militari hanno trovato due confezioni di cocaina per un totale di 231 grammi. C’erano anche un bilancino di precisione, 290 euro in contanti e ben 5 cellulari, utilizzati secondo gli inquirenti per contattare clienti e fornitori, ognuno con la sua sim dedicata.
Tutti sequestrati per estrarre i numeri, le chiamate e stabilire i presunti legami con i pusher di Ravenna e la frequenza.

La giovane ha reagito ai militari rifiutandosi anche di fornire le sue generalità, tanto che è scattato l’arresto non solo per la detenzione ma anche per la resistenza a pubblico ufficiale.

Si parla dunque di un quantitativo importante, destinato alla movida fanese per le vacanze natalizie. Una volta suddiviso in dosi, avrebbe potuto fruttare oltre 20mila euro. Ieri mattina la donna è stata portata davanti al giudice per l’udienza di convalida, assistita dall’avvocato Marco Subiaco del foro di Ancona, nell’occasione ha sostenuto che la droga non era sua. Infatti nelle ore successive il convivente, un albanese di 30 anni, si è consegnato ai carabinieri dicendo che la sostanza era la sua ed è stato quindi raggiunto dalla misura cautelare.

Portato nel penitenziario di Villa Fastiggi, per lui scatterà l’interrogatorio di garanzia nei prossimi giorni. L’arresto della cameriera è stato convalidato e il giudice si è riservato la decisione sulla misura cautelare della custodia in carcere o degli arresti domiciliari per la 28enne, misura meno afflittiva richiesta dall’avvocato Subiaco.


Un giro di droga abbastanza ampio quello scoperto perché secondo gli inquirenti sarebbero stati raccolti elementi di prova nei confronti di un sodalizio criminale, composto in maggioranza da cittadini albanesi, il quale si approvvigionava di cocaina e altri stupefacenti attraverso canali attestati tra il Nord Italia e l’Olanda.


Lo spaccio per la movida


Il modus operandi adottato dal gruppo prevedeva l’acquisto di considerevoli quantitativi di cocaina, con cui inondavano le principali località della cosiddetta movida romagnola fino alle Marche. A Ravenna i militari hanno sequestrato hashish e marijuana, denaro contante e 2 pistole, una giocattolo, priva dei dispositivi di riconoscimento ed una Beretta calibro 7,65, provento di furto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA