Passeggiata serale di una famiglia di cinghiali nelle vie di Urbino: si ripresenta il problema

Passeggiata serale di una famiglia di cinghiali nelle vie di Urbino: si ripropone il problema. Nella foto, i 9 esemplari di cinghiali in via Giro dei Debitori a Urbino
Passeggiata serale di una famiglia di cinghiali nelle vie di Urbino: si ripropone il problema. Nella foto, i 9 esemplari di cinghiali in via Giro dei Debitori a Urbino
di Eugenio Gulini
1 Minuto di Lettura
Domenica 19 Maggio 2024, 09:22 - Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 07:33

URBINO   Ancora cinghiali a spasso sulle strade centrali di Urbino per quella che, da tempo, è diventata una vera e propria emergenza. I 9 ungulati sono apparsi in fila indiana, la mamma apriva l'allineamento, chiuso dal nerboruto papà cinghialone con in mezzo i 7 piccoli cinghialotti.

A segnalarne la presenza, venerdì scorso nel tardo pomeriggio, in via Giro dei Debitori sono stati gli automobilisti con un tam tam social suggerendo a tutti la massima attenzione sulla carreggiata perché i numerosi cinghiali sarebbero potuti diventare un potenziale pericolo per ciclisti, motociclisti e automobilisti.

Sorpresa al bar Zucchero

Gli avventori del bar Sugar, durante l'aperitivo, se li sono visti transitare con una tranquillità e calma da lasciare tutti a bocca aperta. Dopo via Giro dei Debitori i cinghiali hanno proseguito in via Oddi per rigettarsi nella fitta vegetazione agricola e boschiva sottostante. Uno spettacolo serale inatteso perché ultimamente episodi di questo genere non si erano visti.

Il tema era stato affrontato al suo tempo anche in consiglio comunale attraverso alcune interrogazioni. Il sindaco aveva organizzato catture incruente degli ungulati con gabbie speciali in città. Poi mesi di silenzio fino a questa nuova ribalta primaverile. Gli animali cercano cibo e, talvolta attirati dagli odori provenienti dai cassonetti perdono la bussola e si ritrovano tra semafori, stop, persone e mezzi di trasporto: sempre in fila per uno e facendo molta attenzione agli ostacoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA