A caccia degli evasori fiscali e dei furbetti delle agevolazioni: ​accordo tra Finanza e Comune

Il comandante provinciale della Guardia di Finanza Enrico Blandini e il sindaco di Vallefoglia Ucchielli
Il comandante provinciale della Guardia di Finanza Enrico Blandini e il sindaco di Vallefoglia Ucchielli
di Luca Senesi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Gennaio 2022, 08:50

VALLEFOGLIA - Guardia sempre alta nella lotta all’evasione fiscale e per la caccia ai furbetti delle agevolazioni pubbliche: tra il Comune di Vallefoglia e il comando provinciale della Guardia di Finanza è stato siglato un protocollo d’intesa finalizzato alla prevenzione e al contrasto. La firma è avvenuta ieri mattina presso la sede comunale di Sant’Angelo in Lizzola e i firmatari sono stati il sindaco Palmiro Ucchielli e il comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Enrico Blandini. Scopo del protocollo è quello di rafforzare fare prevenzione e contrasto a tutte le illecite percezioni di contributi pubblici ed evasione fiscale che minano l’equità sociale e la ridistribuzione del reddito.

Il merito dell'intesa
«Tengo particolarmente a questo documento – sottolinea Ucchielli – perché sono un uomo ligio alle regole e in questo modo rafforziamo i sistemi di prevenzione e contrasto all’evasione tributaria e rintracciamo coloro che, illegittimamente beneficiano di misure agevolate».

Questo strumento evita dunque che ci siano furbetti che tolgono risorse a chi ne ha diritto e più in generale continua nella caccia agli evasori fiscali. Da un punto di vista operativo, questa sinergia prevede che gli uffici del Comune di Vallefoglia forniscano alla Guardia di Finanza dati, notizie e informazioni utili al perseguimento di queste finalità con l’intento dichiarato di tutelare effettivamente le fasce più deboli della popolazione.

L’accordo firmato ieri rafforza il sistema di prevenzione e contrasto delle condotte lesive degli interessi economici e finanziari pubblici, legati all’evasione tributaria e alle misure di sostegno erogate. Parliamo quindi di controlli rafforzati per sovvenzioni e aiuti alle imprese e attività economiche; erogazione di contributi come affitti, rimborsi utenze, contributi allo studio; concessione di alloggi pubblici; contrasto all’abusivismo nel settore alberghiero.

La durata di 36 mesi
Il protocollo ha una durata di 36 mesi e impegna Comune di Vallefoglia e Finanza alla collaborazione nel rispetto dei reciproci compiti istituzionali. «Questo protocollo si inserisce in un percorso già iniziato lo scorso anno quando come comando abbiamo stipulato accordi anche con i Comuni di Pesaro, Fano ed Urbino – aggiunge il comandante Enrico Blandini - ora includiamo anche il territorio di Vallefoglia realtà dinamica a livello di popolazione e di attività imprenditoriali. Voglio in particolare che con questo documento passi il messaggio di una Guardia di Finanza a forte vocazione sociale e vista come tutela per il cittadino contribuente e l’imprenditore onesto. Andando a colpire chi non rispetta le regole tuteliamo gli onesti».

Il contesto
Il comandante sottolinea anche il buon contesto ambientale trovato sul territorio da quando presiede questo comando provinciale. «Il contesto pesarese per quanto riguarda la collaborazione tra enti e forze dell’ordine nella lotta a qualsiasi forma di illegalità è favorevole; per quanto ci riguarda fenomeni come la lotta all’evasione riusciamo anche a prevenirla attraverso i nuovi strumenti tecnologici come la fatturazione elettronica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA