Stessa spiaggia, stesso prezzo, tira l'estate post Covid: «Pioggia di prenotazioni, i clienti confermano tutti»

Martedì 13 Aprile 2021 di Luigi Benelli
Pesaro, stessa spiaggia, stesso prezzo, tira l'estate post Covid: «Pioggia di prenotazioni, i clienti confermano tutti»

PESARO - Stagione balneare al countdown del primo maggio con operatori sono divisi tra aspettative e incertezze. Intanto i prezzi resteranno stabili. Lungo gli 8 km chilometri di spiaggia pesarese operano almeno 2000 addetti e solo nella provincia di Pesaro le concessioni sono circa 200 e 100 stabilimenti sono concentrati solo su Pesaro tra Baia Flaminia e Fosso Sejore. I bagnini di Ponente, Levante, Baia Flaminia e Sottomonte sono pronti.

 

«C’è fiducia – spiega il responsabile Spiagge per la Cna Antonio Bianchini – i bagnini sono già al lavoro. A marzo sono stati fatti i lavori per le scogliere soffolte di Ponente contro l’erosione, ora serve il ripascimento per partire. Il protocollo sarà quello dell’anno scorso. Ora quello che serve è dare linfa al turismo per gli arrivi e le presenze».

Il mercato

Per questo il comparto è convinto che «la vaccinazione avrà un peso fondamentale. Sappiamo che oltre ai clienti della città, una fetta di mercato pesarese è data dal turismo della terza età da fuori regione. L’anno scorso abbiamo avuto problemi perché molti anziani non si sono mossi. Speriamo che il 2021 sia diverso. E’ chiaro che agosto è un mese pieno, ma non basta. Serve una spinta anche in bassa stagione. La gente ha voglia di muoversi, ma non ci sono eventi sportivi e culturali, dunque regna l’incertezza». Per i prezzi, non ci saranno ritocchi al rialzo, almeno nella maggior parte dei casi. Una stagione con un ombrellone e due lettini può variare dai 500 agli 800 euro a seconda delle file e delle spiagge. Più vicino al mare il range è 700-800 euro, fino alle ultime file dove la media è 600 euro. Il giornaliero va dai 18 ai 25 euro mentre il mensile oscilla dai 300 ai 380 euro sempre a seconda delle file. Quanto ai camping, uno chalet per 2 persone la settimana costa dai 380 euro ai 450 circa, mentre per 4 persone dai 450 fino ai 650 a seconda delle offerte e periodi. «Siamo molto ottimisti – dice Filippo Sparacca dei bagni Joe Amarena a Baia Flaminia – ci stiamo preparando secondo il protocollo che vede il distanziamento degli ombrelloni da 10,5 metri quadrati. I clienti pesaresi hanno chiamato e hanno confermato. Poi abbiamo un 10% libero per turisti, camperisti e giornalieri. Siamo sommersi di richieste, c’è voglia di normalità e la spiaggia è un ambiente sicuro, salubre, un luogo dove il distanziamento è garantito dalla logistica. Abbiamo servizi nuovi anche per bambini e abbiamo raddoppiato la larghezza della pedana centrale da 1 a 2 metri per migliorare il comfort. Siamo pronti a una grande stagione». Anche dal consorzio di Ponente Antonella Baronciani mostra «ottimismo. Tutti cercano la normalità. C’è richiesta e i pesaresi vogliono confermare il loro posto. I prezzi non sono stati toccati, ora aspettiamo anche il turismo anche se sarà mordi e fuggi. E’ ovvio che ad agosto siamo pieni, ma contiamo di lavorare già dalla chiusura delle scuole». Altro tema il cortocircuito che si è creato la scorsa stagione con gli albergatori che non riuscivano a mandare i clienti in spiaggia visto che era tutto sold out. «Ci sono state riunioni con gli albergatori, la coperta è corta perché ci sono meno ombrelloni ma siamo pronti alla massima disponibilità e a trovare accordi» confermano da Ponente. Concetto rimarcato da Bianchini che chiude: «Non ci sarà il problema dello scorso anno». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche