Balli vietati e assembramenti: il blitz arriva all'ora dell'aperitivo, chiuso un chiosco in spiaggia

Martedì 17 Agosto 2021 di Letizia Francesconi
Balli vietati e assembramenti: il blitz arriva all'ora dell'aperitivo, chiuso un chiosco in spiaggia

PESARO - Che sarebbe stato un Ferragosto di controlli a tappeto in spiaggia e nei chioschi bar degli stabilimenti era più che prevedibile, e così è stato. Memore del Ferragosto 2020 le forze dell’ordine hanno monitorato le spiagge si dalla tarda mattinata con Sottomonte come osservata speciale. Negli stabilimenti sono circolati uomini della polizia locale, dei carabinieri, della polizia, della capitaneria, della finanza, prima in modo soft, poi nel tardo pomeriggio, la task force ha dato un giro di vite, piombando nei locali all’ora dell’aperitivo. A farne le spese il locale annesso allo stabilimento Maya Bay dove la polizia locale ha disposto la chiusura immediata del chiosco-bar e sanzionato il gestore.

Covid, nelle Marche su 45 ricoverati 34 non sono vaccinati e altri sette hanno solo la prima dose

 

La valutazione

Per il momento la sanzione è di 400 euro e la chiusura, immediata, sarà fino a domani, mercoledì, ma non si esclude che possa restare chiuso anche per più giorni, sulla base di altre verifiche in corso, disposte dalla Prefettura. Si ricorda che nei casi più gravi (si ricordi per esempio il recente caso del Miu di Marotta) si arriva fino a 30 giorni. Mentre per altri (la Baia Imperiale di Gabicce), si è scelto una via di mezzo: 15 giorni. Ma secondo le forze dell’ordine e lo stesso assessore alla sicurezza, Riccardo Pozzi, il Ferragosto 2021 è trascorso in modo più responsabile: «È stato un Ferragosto all’insegna di un divertimento sicuro grazie alla collaborazione dei proprietari degli stabilimenti balneari e dei gestori delle attività. Giornata durante la quale è stato predisposto un servizio di controllo capillare, che la polizia locale ha svolto in coordinamento con tutte le forze di polizia, in particolare, nel lungomare della città. Non ci sono state, in generale, esagerazioni, la maggior parte delle strutture ha capito come far trascorrere intelligentemente, nel rispetto della normativa anticovid, la giornata. Solo in un caso, nella spiaggia Sottomonte, abbiamo rilevato degli eccessi: in uno stabilimento si sono verificati degli assembramenti di pubblico. Per questo abbiamo stabilito una sanzione amministrativa di 400 euro e predisposto la chiusura dell’attività fino a mercoledì. Chiusura che, dopo le ulteriori verifiche della Prefettura, potrebbe prolungarsi per un massimo di 30 giorni e associarsi ad altre sanzioni amministrative». 

Ringraziamenti

Pozzi rivolge poi il ringraziamento «ai pesaresi e agli uomini e donne della Polizia locale e tutte le forze dell’ordine, sempre in prima linea per garantire la sicurezza dei cittadini». Nel pomeriggio qualche segnalazione alle forze dell’ordine per episodi borderline e sopra le righe c’è stata, ma già all’arrivo dei controlli all’ora dello spritz la situazione era già rientrata, salvando così i gestori dalle possibili sanzioni. La tempestività degli interventi di polizia locale e agenti in borghese ha evitato quanto si temeva, ovvero che la situazione di festa potesse degenerare in bolgia come un anno fa. Una doccia gelata per il Maya Bay (anche se la spiaggia e lo stabilimento non sono stati coinvolti) considerato che a detta dei bagnanti la situazione «è stata tranquilla per tutto il giorno con musica di sottofondo e giochi per bambini. Solo alla fine si è radunata un po’ gente, ma niente rispetto all’anno scorso». Dispiaciuto il gestore Cristian Angelini che aveva messo 6 uomini della security per frenare possibili assembramenti, soprattutto da parte dei ragazzini. Raggiunto telefonicamente il titolare Cristian Angelini, riferisce che continuerà l’attività in spiaggia con lettini e ombrelloni, ma per il chiosco- bar, oggi e domani, ci si dovrà spostare altrove.

© RIPRODUZIONE RISERVATA