Il Covid ferma la marea gialla: cancellata la festa di Valentino Rossi al Gp di Misano

Mercoledì 9 Settembre 2020 di Gianluca Murgia
Tavullia, il Covid ferma la marea gialla: cancellata la festa di Valentino Rossi al Gp di Misano

TAVULLIA - Annullata Tavullia in Moto: «Impossibile far rispettare le disposizioni anti Covid, in particolare la tracciabilità degli spettatori e il distanziamento». Quella che doveva essere la settima edizione dell’evento organizzato in occasione del Gp di Misano, dà l’arrivederci al 2021 «con una edizione speciale». Promessa della sindaca Francesca Paolucci e dell’assessore al Turismo Patrizio Federici

LEGGI ANCHE: Ascoli si fa pubblicità sulle tv nazionali con il testimonial d'eccezione Giovanni Allevi

Chi ha vissuto le precedenti sei edizioni, così come i passati “TavulliaVale” o qualsiasi altro evento legato a Valentino Rossi (ricordate 5 anni fa l’invasione per la sfida a distanza con Lorenzo?) lo sa bene: praticamente impossibile fronteggiare la marea gialla, il turismo motoristico e valentiniano, che sale e riempie il centro di Tavullia in una sorta di incensante pellegrinaggio laico.
 
In occasione del Gran Premio motociclistico di San Marino e della Riviera di Rimini in programma a Misano nel weekend dell’11-12-13 settembre, non si terrà quindi la manifestazione che, oltre ai tifosi, avrebbe portato a Tavullia i campioni della Vr46, adetti ai lavori e giornalisti per tre serate all’insegna del divertimento e spettacolo. «I protocolli di sicurezza – spiegano Paolucci e Federici – impongono una serie di prescrizioni che non saremmo stati in grado di garantire a causa delle tante persone che in quei giorni vengono a Tavullia in particolare per quanto riguarda la tracciabilità e il distanziamento tra i partecipanti».

«Potete venire a trovarci»
«Abbiamo voluto garantire l’incolumità di cittadini e visitatori. Invitiamo - concludono - quanti verranno comunque a Tavullia per visitare il nostro Comune o il Fans Club di Vale a rispettare tutte le norme anti Covid: dal distanziamento all’uso della mascherina».

© RIPRODUZIONE RISERVATA