Pesaro, tamponi obbligatori e pioggia di disdette: chiudono in anticipo i traghetti per la Croazia

Lunedì 24 Agosto 2020 di Letizia Francesconi
Pesaro, tamponi obbligatori e pioggia di disdette: chiudono in anticipo i traghetti per la Croazia

PESARO - Ultimo approdo sabato in porto dell’aliscafo della tratta Pesaro-Lussino e ultimo giorno anche del checkpoint Asur per i tamponi di rientro dalla Croazia. E’ stata una stagione sfortunata per Gomo Viaggi, commenta rammaricato il titolare Paolo Gorini. Partita in ritardo la linea per la Croazia ha anticipato lo stop dei viaggi dopo il Decreto ministeriale del 12 agosto scorso, che obbliga al tampone chi rientra dalla vacanze da paesi a rischio per numeri di contagi come Croazia, Grecia e Malta.

LEGGI ANCHE:
Pesaro, più di mille ragazzi assiepati nella piazzetta del lungomare: scatta lo sgombero

Turisti scippati, risse e furti nei bar: weekend di fuoco lungo la costa

Il 19 agosto scorso era stato attivato il servizio di Area Vasta, direttamente in porto per sottoporre ai test rapidi i passeggeri al momento dello sbarco. Resta l’amarezza nelle parole di Gorini: «Una scelta per noi obbligata, l’interruzione anticipata della tratta, che invece in condizioni normali, sarebbe proseguita fino al 7 settembre prossimo.
 
Dopo l’approdo di sabato l’aliscafo è ripartito per rientrare nel porto di Spalato. A pesare sullo stop forzato sono stati i numeri delle disdette e i passeggeri trasportati per ogni viaggio, dopo i provvedimenti del 12 agosto emessi dal Ministero alla Salute. Non era pensabile affrontare alcune tratte nei giorni di partenza già programmati con soli 30 passeggeri, proprio come è accaduto il 17 agosto scorso. Tutto considerando poi, le perdite economiche per la compagnia. Basti pensare che con questi numeri ad ogni viaggio si perdono circa 15 mila euro». Intanto il checkpoint Asur si è concluso con il rientro degli ultimi passeggeri. «Ad essere sottoposti a tampone rapido fra i 70-80 passeggeri, tutti del territorio – commenta Eugenio Carlotti, per il Dipartimento di Prevenzione - gli esiti sono attesi nelle successive 48 ore. Numeri comunque bassi i casi positivi finora intercettati dal presidio in porto, e solo al rientro dell’aliscafo Solo nei giorni scorsi invece sono arrivate alla nostra Area Vasta, oltre 300 richieste per test veloci di chi è rientrato dalle vacanze dopo il Ferragosto, e non solo con l’aliscafo, ma sono stati intercettati anche giovani e famiglie di rientro da aeroporti o da viaggi in pullman. Resta però ad oggi l’incertezza se riaprire un nuovo punto Drive in città. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA