Pesaro, la spiaggia libera nell'epoca Covid: food truck e lettini a noleggio, ma a numero chiuso

Mercoledì 27 Maggio 2020 di Letizia Francesconi
Pesaro, la spiaggia libera nell'epoca Covid: food truck e lettini a noleggio, ma a numero chiuso

PESARO - «In spiaggia prendiamoci i giusti spazi e rispettiamo le regole». E’ questo il leitmotiv rilanciato dal sindaco Ricci con il nuovo piano per la fruizione delle spiagge libere. Un lavoro di squadra per il “Modello Pesaro, mare sicuro”: protocolli sanitari da rispettare per i gestori degli stabilimenti balneari e servizi di base per bagnanti e turisti, che scelgono i tratti di arenile libero.



LEGGI ANCHE:
Nessun morto di Coronavirus, è la terza volta nelle Marche. Le vittime restano 996/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

Coronavirus, scatta l'allarme-giovani: nelle Marche l'ultimo contagiato è un ragazzino di 15 anni


Dalla spiaggia libera di Fiorenzuola, passando per Baia Flaminia fino ai lunghi tratti liberi di Sottomonte. Esce oggi il bando aperto a cooperative, giovani imprenditori, bagnini o cooperative di balneari, per la gestione temporanea dei 5 tratti di arenile libero. Chi si aggiudicherà la gara avrà la possibilità di installare un piccolo box removibile, dove custodire e noleggiare sdraio e lettini e potrà dotarsi di un piccolo mezzo per il food truck. In cambio avrà l’obbligo di garantire il controllo dei bagnanti per evitare assembramenti e la pulizia giornaliera del tratto di arenile assegnato, mentre l’amministrazione garantirà una postazione doccia in tutti i tratti liberi. 
 
Il bando

Spiagge libere sì ma a misura di sicurezza. A spiegarne la filosofia è il sindaco Ricci supportato dal lavoro degli assessori Pozzi, Vimini e Frenquellucci. «Da subito ci siamo detti contrari – rimarca Ricci – a un’estensione della concessione balneare aperta ai gestori degli stabilimenti. Di qui l’idea di valorizzare, anche da un punto di vista sociale e di pari dignità gli arenili liberi, perché non ci sono bagnanti di serie A né di serie B. Parliamo comunque di strutture tutte removibili, non posizionate sulla sabbia bensì su piazzole già cementate, e che a fine stagione saranno rimosse. Nessuna struttura fissa in alcun tratto né saranno intaccate in alcun modo le aree floristiche di Sottomonte e Baia Flaminia. Solo le docce, che sono servizi di base, resteranno fisse anche per la prossima stagione». Il noleggio di lettini e sdraio dovrà avere prezzi accessibili: 100 affittabili a Sottomonte e 50 a Fiorenzuola e Baia Flaminia. 
Le aree
Tre tratti di spiaggia libera a Sottomonte e poi Baia Flaminia, un piccolo tratto alle spalle di Villa Marina, già in concessione, e la spiaggetta di Fiorenzuola. Il primo tratto di arenile libero attrezzato a Sottomonte per circa 420 metri è compreso fra bagni Chalet a Mare e il sottopasso numero 2, poi in continuità, il tratto fra bagni Tiki e Bikini Beach ed ancora un’altra porzione libera in corrispondenza della spiaggia del camping Norina per 340 metri. ma in questo caso non ci sarà un servizio di piccola vendita con il food truck mobile. In Baia Flaminia, la nuova area è di 180 metri in prossimità della concessione di spiaggia dello stabilimento dei Vigili del fuoco, e infine la spiaggia di Focara per 250 metri di estensione. Lungo l’arenile di Ponente invece alle spalle di Villa Marina, dove insiste già la concessione del Sunset beach Island, l’Amministrazione chiederà ai gestori dell’area attrezzata anche di controllare eventuali assembramenti sull’arenile e la pulizia di quel tratto di spiaggia libera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA