Autobus affollato, 30 studenti a piedi. Per il bis serve tempo: saltano le coincidenze e i genitori si infuriano

Giovedì 24 Settembre 2020 di Letizia Francesconi
Pesaro, autobus affollato, 30 studenti a piedi. Per il bis serve tempo: saltano le coincidenze e i genitori si infuriano

PESARO Trasporto scolastico, restano ancora per alcune linee problemi di sovraffollamento e mancate coincidenze, tutto a due settimane dal ritorno a scuola. Se il monitoraggio in corso permette di gestire meglio l’afflusso di studenti e passeggeri sulla linea Pesaro- Vallefoglia-Urbino, grazie anche ai controllori che lungo le fermate consentono ai ragazzi di salire a gruppi senza però superare le capienze, ci sono altre linee dove il problema del sovraccarico non è stato ancora risolto. 

LEGGI ANCHE:
Tremendo schianto sulla Statale: arriva l'eliambulanza per un motociclista

Due bimbi positivi al Covid alle elementari: in isolamento 37 alunni e 8 docenti in due plessi

E’ questo il caso della linea 99 Pesaro-Fano, quasi sempre sovraffollata e dove mancano mezzi bis aggiuntivi per spalmare l’afflusso dei ragazzi. E così anche ieri sono rimasti ad attendere quasi mezz’ora alla fermata dell’Alberghiero Santa Marta, oltre 30 studenti, soliti salire sulla linea fino al capolinea di Fano, per poi proseguire con le rispettive coincidenze verso l’hinterland. 
 
Criticità ce ne sono eccome, proprio perché poi i ragazzi non riescono a salire sulle coincidenze. Una situazione questa confermata anche dai dirigenti scolastici, dell’ Alberghiero e del tecnico Agrario Cecchi, dove fin dai primi giorni di scuola si rincorrono segnalazioni di studenti provenienti da fuori città, per bus troppo carichi e ragazzi costretti ad attendere il bis della stessa linea. Una situazione da risolvere, nonostante la scelta di alcuni istituti di anticipare i normali orari d’uscita, proprio per permettere ai ragazzi pendolari o che provengono dall’entroterra, di riuscire a prendere il proprio bus di riferimento. Intanto, dopo le ultime segnalazioni, 
Adriabus conferma il direttore Massimo Benedetti, si è da subito attivata per verificare proprio queste criticità. «Diversi i ragazzi come mio figlio, rimasti a piedi ieri nell’orario di uscita scaglionato delle 13 perché la linea 99, Pesaro-Fano era già al completo - così riferisce la signora Antonella – ma non è stato questo l’unico episodio dall’inizio della scuola e sempre sulla stessa linea, per problemi di carico. Capita spesso che il bus proveniente da Pesaro sia già pieno, con ragazzi anche in piedi, senza la possibilità per questo di caricare altri studenti alla fermata dell’Alberghiero. Anche ieri l’autista, ha fatto cenno ai ragazzi di non salire, lasciando a piedi, oltre 30 studenti. Tempi di attesa per il bis successivo, che inevitabilmente si allungano e diventa poi difficile arrivare puntuali in stazione a Fano per salire poi sulle coincidenze per Lucrezia e altri Comuni dell’hinterland fanese». 
Altri casi
Segnalazioni di studenti e famiglie arrivano anche nei collegamenti con Sassocorvaro e l’entroterra. Il problema in questo caso non è tanto il bus principale di linea che da Pesaro arriva a Sassocorvaro, ma la mancanza invece di altri mezzi aggiuntivi di compagnie private consorziate Adriabus, come Bucci o Salvadori, che non riescono a garantire la coincidenza verso le aree più interne dell’Apecchiese. Verifiche di Adriabus sulle linee segnalate e contatti con gli istituti scolastici sono per questo in corso.

Ultimo aggiornamento: 10:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA