Pesaro, zona mare pedonalizzata: cambia tutta la viabilità da viale Trieste a Sottomonte

Sabato 23 Maggio 2020 di Letizia Francesconi
Pesaro, zona mare pedonalizzata: cambia tutta la viabilità da viale Trieste a Sottomonte

PESARO - Prima le perplessità di alcuni operatori e il pressing di altri interessati, e dopo una settimana di confronto e incontri ecco il disegno della nuova isola pedonale Ztl lungo viale Trieste. Un tema centrale per la ripartenza  dall'allarme Covid visto che riguarda il cuore vitale dell’estate pesarese e dunque il centro della scommessa sul turismo nella difficile estate che ci attende. 

LEGGI ANCHE:
Pesaro, esposto di un centinaio di famiglie contro il virologo Roberto Burioni: «Coronavirus, contraddetto dai fatti»

Coronavirus, le Marche vanno a caccia degli asintomatici: test sierologici per 5.400 persone

Spiega l’assessore Enzo Belloni: «L’Amministrazione non ha fatto marcia indietro e ripropone due blocchi pedonali a partire dal primo giugno». Il tratto via Vespucci-viale Zara- via Ninchi e il blocco viale Marconi-viale Pola, in direzione porto. Piantina alla mano, il tratto evidenziato che racchiude, strutture ricettive come l’hotel Vittoria, il Perticari e attività economiche come il Typo Pub e più avanti Porto’s, tigelleria, gelateria e altri piccole attività di food, sarà chiuso alle auto. Passeggio al centro del viale, lungo la porzione di marciapiede libera dai tavoli e sedute di quei locali che vorranno allargarsi, e ovviamente sulla ciclabile. L’introduzione della prima isola pedonale nel tratto centrale del viale, porterà a un’inevitabile modifica della viabilità. 
 
Per quanti vorranno percorrere il viale resterà l’ingresso da viale della Repubblica fino a piazzale della Libertà, poi proseguendo svolta obbligata a sinistra su viale Trento fino ad arrivare in viale Dante Alighieri. Tutto il tratto infatti da viale Zara a via Ninchi, sarà pedonale. L’operazione di nuova Ztl impone la modifica anche del senso di marcia. Rispetto a oggi, la viabilità nel tratto viale Trieste-viale Trento sarà solo in uscita e non più in entrata. Guardando al lato pratico e alle esigenze di residenti e di quanti raggiungono le attività della zona mare, chi proviene dalla zona porto, potrà percorrere normalmente viale Trento fino ad arrivare all’isola pedonale.

I residenti all’angolo fra via Ninchi e la passeggiata principale, potrebbero entrare in Ztl dalla Palla di Pomodoro e percorrere la via alle spalle degli hotel Perticari e Imperial Sport. Per chi invece proviene dall’asse centro-viale della Repubblica e vorrà spostarsi fino al tratto terminale verso il porto, dovrà prendere obbligatoriamente via Cesare Battisti e proseguire alle spalle dell’asse principale, dopo la seconda isola pedonale che partirà da viale Marconi. Questa seconda isola pedonale potrebbe prevedere la modifica della viabilità fra via Leonardo Da Vinci e viale Fiume, dove sarà introdotto il doppio senso di marcia. Questo significa che chi è residente dovrà entrare e uscire sempre dalla stessa via. Chi risiede invece in via Alighieri nel tratto compreso fra viale Trento-Trieste, dovrà ritornare su viale Marconi. 

I due tratti pedonali manterranno comunque inalterati gli spostamenti lungo la ciclabile e sarà garantito il carico-scarico e il transito di taxi o bus per i turisti verso le strutture ricettive. Le attività economiche possono recuperare spazi e tavoli occupando o una porzione di marciapiede pedonale o posizionarli direttamente sulla strada, a lato della ciclabile, dove oggi ci sono le auto in sosta. Per gli hotel non dovrebbero esserci grosse modifiche, dal momento che l’entrata ai garage è sul retro come all’hotel Caravelle o Napoleon. Isole pedonali, così tanto attese da Paolo Pedini, gestore proprio dell’hotel Napoleon. Fin dai tempi della seconda giunta Ceriscioli - ricorda il presidente Luca Pieri all’epoca assessore - si parlava di sperimentare l’isola pedonale proprio lungo la passeggiata centrale. Più scettici invece sono altri gestori di hotel in direzione viale Marconi-porto e fra questi c’è l’hotel Mare di Rita Amadori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA