Pesaro, il Palio dei Bracieri alza bandiera bianca: appuntamento a Rocca Costanza nel 2021

Sabato 6 Giugno 2020 di Thomas Delbianco
Pesaro, il Palio dei Bracieri alza bandiera bianca: appuntamento a Rocca Costanza nel 2021

PESARO - Non ci saranno le bandiere dei quartieri pesaresi, i colori, il folklore. Non ci sarà la competizione durante la gara, non si potranno vedere quei forti legami tra i ragazzi delle contrade. Non ci saranno le miss che sfilano, i cori, la delusione per un braciere perso o per un traguardo tagliato troppo tardi. e sull’altro versante emozionale, la gioia per una vittoria inaspettata o per uno scatto fulmineo.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, ancora due tamponi positivi nelle Marche, entrambi del pesarese/ I test effettuati in tutta Italia in tempo reale

Pesaro, nonna Ilde sconfigge il Coronavirus a 92 anni e torna finalmente a casa

Non ci sarà tutto questo nell’estate 2020 nel fossato di Rocca Costanza. Non ci sarà, ma l’animo del Palio dei Bracieri, non è stato sconfitto dal Covid-19, solo rimandato di un anno. Il Palio ci sarà ancora, nell’estate 2021.
 
Era già nell’aria da qualche tempo, ma ieri la cancellazione dell’edizione 2020 è stata ufficializzata con una comunicazione arrivata dai comitati delle Contrade del Palio dei Bracieri. «In questo che doveva essere il 10° anniversario di una delle manifestazioni che negli ultimi anni ha coinvolto e colorato di più la città di Pesaro, il Palio si ferma e mette a terra i bracieri - ufficializzano così l’arrivederci al 2021 i comitati - Una decisione arrivata dopo l’ultimo incontro con la delegazione dei quartieri, la casa dei comitati di contrada. Scelta unanime, nonostante si siano valutate anche alcune soluzioni di organizzazione, con l’idea di spostare la manifestazione a settembre 2020 o addirittura correre un Palio a porte chiuse dando la possibilità a tutti di vedere la corsa, cuore pulsante dell’evento, sulla tv e mezzo social. 

Niente di tutto questo, alla fine ha giustamente prevalso una linea che accomuna senso di responsabilità e rispetto». Il Palio è una manifestazione «esplosa in pochi anni, dove la caratteristica più importante è l’aggregazione e lo stare assieme vivendo grandi emozioni. Tutto questo purtroppo oggi va in controtendenza a quelle che sono le disposizioni di sicurezza alle quali nei prossimi periodi dovremmo attenerci. Per questo la scelta di annullare l’evento è un atto di responsabilità che i capi-contrada hanno voluto esercitare». In questi ultimi tre mesi, sono state numerose le iniziative di solidarietà delle Contrade: dai vari striscioni a sostegno degli operatori sanitari, alla beneficenza e conseguente donazione di contributi economici ai fondi a destinati ai cittadini in difficoltà, al volontariato messo a disposizione della città con la consegna porta a porta dei buoni spesa e delle mascherine coadiuvando i quartieri del comune di Pesaro. 

«Per questo l’ultima scelta non poteva essere che quella del rispetto. In un anno in cui tanti concittadini hanno vissuto momenti di grande disagio e numerose persone hanno perso la vita, i capi-contrada e le contrade hanno scelto di fermarsi - confermano - Ci fermiamo, ma rimaniamo vicini alla nostra città che tanto amiamo, sempre a disposizione del prossimo con una mano tesa ad aiutare tutti, coscienti del fatto che tutti noi sapremo reagire e ripartire con più forza di prima. Noi che non ci siamo mai arresi davanti a nulla, noi che Siamo Pesaro». Appuntamento, quindi, al 2021 con tutti gli scongiuri del caso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA