Pesaro, il sindaco mette la mascherina alla movida: «Obbligatoria in centro e zona mare». E ci saranno più controlli

Mercoledì 27 Maggio 2020
Pesaro, il sindaco mette la mascherina alla movida: «Obbligatoria in centro e zona mare». E ci saranno più controlli

PESARO - Aveva gradito poco gli assembramenti del weekend scorso, il sindaco di Pesaro Matteo Ricci è corso ai ripari imponendo la mascherina nelle zone della movida per endere più sicura questa fase della lotta al Coronavirus.

LEGGI ANCHE:
Cassa integrazione e Fis in ritardo, protestano i sindacati: «Decine di migliaia di lavoratori delle Marche in difficoltà»

Zero contagi nelle Marche, Ceriscioli non cita l'Osservatorio di Riccardi ma esulta: «Avevamo ragione noi»/ Lo studio della Regione

«E’ stata accolta la nostra proposta - spiega Matteo Ricci dopo il comitato sicurezza - di rendere obbligatoria la mascherina nelle zone della movida per questo lungo weekend. Ovvero da venerdì 29 maggio a martedì 2 giugno, dopo le ore 18. Andremo a individuare le aree precise». Ma sicuramente, rende noto il sindaco, «ci saranno il lungomare dalla Palla fino al porto, la zona di Baia Flaminia e la ciclabile Sottomonte». Oltre a un paio di vie del centro, «probabilmente largo Aldo Moro e via Cavour. La mascherina è un modo per responsabilizzare ulteriormente i ragazzi. Ovviamente da utilizzare non mentre si mangia e si beve, ma durante tutti gli altri momenti», osserva il sindaco. Perché si può uscire, «ma non è ancora l’ora di stare tutti insieme e fare festa. Ci arriveremo più avanti, se continueremo con i dati di questi ultimi giorni. Ma ripeto: non è adesso il momento». L'ordinanza per le date indicate, evidenzia Ricci, «permetterà alle forze dell’ordine di effettuare controlli maggiori e più efficaci, con presidio fisso a piedi in tutte le zone individuate. Grazie al prefetto e ai Comuni di Fano, Mondolfo e Gabicce per avere condiviso la nostra proposta. Che quindi riguarderà tutto il litorale del nostro territorio». Aggiunge l’assessore Riccardo Pozzi: «Con la polizia locale ci stiamo attivando per garantire il presidio a piedi dei tratti dove lo scorso fine settimana abbiamo constatato maggior rischio di assembramento».   

© RIPRODUZIONE RISERVATA