Pesaro, il direttore Tempesta: «Tsunami Coronavirus a fine febbraio, una settimana dopo le finali di basket»

Pesaro, il direttore Tempesta: «Tsunami Coronavirus a fine febbraio, una settimana dopo le finali di basket»
Pesaro, il direttore Tempesta: «Tsunami Coronavirus a fine febbraio, una settimana dopo le finali di basket»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Aprile 2020, 10:11

PESARO - «Marche Nord ha avuto la prima ondata e soprattutto quella numericamente più cospicua, con il 40 per cento dei positivi registrati su tutto il territorio regionale». È quanto sottolinea Michele Tempesta, direttore del dipartimento emergenza urgenza, riguardo all’alta mortalità a Pesaro dell’epidemia. «In rianimazione per esempio - spiega - ho ancora qualcuno proprio della prima ondata, ancora ricoverato in terapia intensiva. Questo è significativo del fatto che i quadri clinici che abbiamo ricoverato all’inizio, la gran parte, erano già gravi, arrivati in gravi condizioni soprattutto nelle prime due settimane».

LEGGI ANCHE:
Virus, solo un test positivo su 30. Ospedali Covid, liberati 357 posti

Pesaro, multato perché sorpreso in spiaggia: posta il video sui social e prende anche una denuncia. Rischia anche chi ha commentato


«Certamente il caso pesarese resta a sé. Con un picco di infetti simile a quelli della Lombardia. Alcuni eventi che si sono tenuti a Pesaro, proprio a ridosso dell’esplosione dei primi casi a Codogno e nel Nord Italia, penso fra tutti alle Final eight, hanno avuto, molto probabilmente, una parte decisiva poi nell’evolversi dell’epidemia».
 

Molti per esempio arrivavano già con sofferenza renale e quindi gravissimi e la maggior parte di questi non ce l’hanno fatta. Il quadro è completamente cambiato già dopo le prime settimane, quando in maniera più capillare sono stati usati la clorochina e lo clexane, nei tempi giusti per aggredire il virus. Giorni decisivi che hanno permesso di salvare molte vite. Ora soprattutto all’arrivo in rianimazione i pazienti non presentano, per lo più, i quadri gravissimi che si registravano all’inizio. Ancona, in particolare, ha avuto due settimane di vantaggio rispetto a noi, due settimane decisive soprattutto per la presa in carico del paziente nei tempi e nei modi giusti, mentre da noi, dal 26 febbraio in poi, abbiamo avuto uno tsunami. Senza dimenticare che i numeri sono comunque diversi. Per le terapie - sottolinea il primario Tempesta - Marche Nord ha un suo protocollo composto da diversi specialisti. Un gruppo che lavora esclusivamente ai piani terapeutici contro il virus, che si aggiorna costantemente e sta in contatto con importanti strutture nazionali. Per esempio Marche Nord ha iniziato con la terapia della clorochina e il clexane, quella che sta dando più risultati, insieme ai sanitari dell’ospedale di Bologna, studiando dosi specifiche e tempi. Accanto a questa sperimentazione ovviamente affianchiamo anche tutte le altre, un lavoro in itinere visto che il virus, soprattutto nelle prime settimane, era per lo più sconosciuto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA