Colli al Metauro, si riforniscono di coca
in Umbria: presi con un etto al ritorno

Giovedì 30 Novembre 2017
COLLI AL METAURO – Vanno a rifornirsi di cocaina in Umbria, ma al loro ritorno si imbattono nei carabinieri che li aspettano al varco.
I carabinieri della stazione di Saltara, coadiuvati dai colleghi del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Fano e delle stazioni di Monte Porzio e di San Giorgio di Pesaro, hanno arrestato in flagranza di reato due giovani albanesi ed un macedone sorpresi con un etto di cocaina. Si tratta di A.V., 23 anni, operaio; D.C., 22 anni, nullafacente ed E.L., 26 anni, operaio. Il trio stava rientrando dalla trasferta nell’hinterland di Perugia, dove si era rifornito della cocaina che avrebbe spacciato nelle piazze di Saltara ed a Fano. L’Audi, con a bordo i tre giovani extracomunitari, è stata fermata ad un posto di controllo all’uscita di Calcinelli della superstrada.

Il loro atteggiamento nervoso non è passato inosservato ai militari che hanno deciso di approfondire il controllo. Ed è così che, ben occultato in un vano ricavato nel cruscotto dell’auto, i carabinieri hanno recuperato un grosso involucro di plastica sottovuoto che custodiva quasi un etto di cocaina purissima.  I tre giovani sono stati condotti nella caserma di Saltara e la perquisizione è stata estesa alle rispettive abitazioni. In quella di E.L. al Lido di Fano sono stati recuperati altri 20 grammi di cocaina abilmente occultati in una scarpiera.  Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato gli arresti ed ha rimesso in libertà senza obblighi, perché incensurati, A.V. e D.C.; ad E.L., che vanta diversi precedenti penali per reati predatori, ha applicato la custodia cautelare in carcere. In particolare a fine 2013 i carabinieri della compagnia di San Giovanni Valdarno dopo lunghe e serrate ricerche lo arrestarono insieme a due connazionali per una cruenta “rapina in villa” in danno di una donna di Montevarchi.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA