Pesaro, campeggiatori abusivi nella spiaggia di Pavarotti. Scatta il blitz: sgombero e sanzioni salate

Campeggiatori abusivi nella spiaggia di Pavarotti. Scatta il blitz: sgombero e sanzioni salate
Campeggiatori abusivi nella spiaggia di Pavarotti. Scatta il blitz: sgombero e sanzioni salate
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 04:50 - Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 18:51

PESARO Tende abusive sulla spiaggia di Baia Flaminia, proprio sotto la villa che appartenne a Pavarotti: tutte rimosse con i campeggiatori sgomberati e multati. I bivacchi erano già stati segnalati negli ultimi giorni anche perchè erano stati avvistati dei proibitissimi barbecue proprio nel territorio super protetto del parco San Bartolo.  Segnalazioni che erano rimbalzate un po’ ovunque tra le forze dell’ordine e che si occupano di vigilanza: dagli uomini della guardia costiera ai vigili del fuoco. E così ieri mattina, alla vigilia di Ferragosto, è scattato un blit congiunto che ha visto la partecipazione degli agenti della polizia locale, della capitaneria di porto e dei carabinieri. Non erano poche le persone che si erano sistemate nelle tende che erano state montate.

Le segnalazioni


Le segnalazioni parlavano di almeno una trentina di tende abusive, ne sono state sgomberato oltre decina nell’arenile sotto il San Bartolo. Il regolamento comunale e le ordinanze della guardia costiera sull’utilizzo del litorale demaniale marittimo per finalità turistiche e ricreative vieta di campeggiare e pernottare sull’arenile durante tutto l’anno. Così gli agenti e i carabinieri si sono recati sul posto dove erano stati segnalati dei campeggiatori. E hanno chiesto loro di sgomberare l’area demaniale. Non ci sono state proteste, i campeggiatoti hanno capito e hanno smontato le tende senza protestare. Si trattava di famiglie, di diverse ragazzi e anche di stranieri in villeggiatura che visitano l’Italia on the road, altri invece erano immigrati (diversi erano tunisini e marocchini) che erano venuti a trovare i loro connazionali a cui sono legati da rapporti di parentela con reunion familiari serali davanti ai proibitissimi barbecue. Nessuna resistenza o lamentela veemente quindi, ma di certo un risveglio amaro per i campeggiatori abusivi non solo perché dovranno abbandonare quell’angolo di paradiso che è la punta estrema di Baia Flaminia, ma anche perché, come da regolamento, gli agenti della polizia locale hanno dovuto elevare la sanzione amministrativa prevista in questi casi che va da euro 1032 a euro 3.098 euro.

Verbali da 1.000 euro

In questa situazione sono stati elevati una decina di verbali da poco più di mille euro, il minimo. Non una cifra irrisoria. Il discrimine è che il regolamento vieta di dormire sull’arenile, mentre posizionare la tenda per poco tempo durante il giorno sarebbe stato tollerato. I controlli proseguiranno per il rispetto delle regole sia per quanto riguarda la movida ferragostana, ma anche per quanto riguarda l’abusivismo non solo commerciale ma anche demaniale. Il litorale viene preso d’assalto in questi giorni e il caso di San Benedetto del Tronto con intere file di ombrelloni abusivi fatti rimuovere ha fatto il giro del Paese. Anche perché dei turisti che avevano prenotato, hanno disdetto le vacanze. A Pesaro situazioni simili non ci sono, ma vengono segnalati casi in cui bagnanti legano con dei lucchetti sdraio, ombrelloni e lettini alla recinzione che separa la ferrovia dalla spiaggia nella zona di Sottomonte. Qui la porzione di arenile è libero, ma non si possono ancorare ombrelloni, né si potrebbero lasciare oggetti o altro tipo di attrezzatura. Tutto andrebbe rimosso alla fine della giornata di mare, ma ovviamente per i bagnanti abituali è più comodo lasciare la propria sdraio in spiaggia che portarla in spalla ogni mattina. Ci sono già stati in passato interventi per rimuovere le attrezzature dei bagnanti anche se con tolleranza sono sempre stati concentrati a fine stagione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA