Paolo, papà di quattro figli, muore mentre torna a casa per pranzare con la famiglia. Terribile scontro con un camion

News Marche

Paolo papà di quattro figli muore mentre torna a casa per pranzare con la sua famiglia nel terribile schianto frontale con un camion
Paolo papà di quattro figli muore mentre torna a casa per pranzare con la sua famiglia nel terribile schianto frontale con un camion
di Roberto Giungi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Febbraio 2022, 04:00 - Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio, 08:29

CAGLI - Paolo Formica, 61 anni, originario di Prato, babbo esemplare di quattro figli, ha perso tragicamente la vita ieri lungo la provinciale 3 mentre rincasava per pranzare con i suoi cari, in direzione Cagli dove abitava con la sua famiglia. A bordo della sua Fiat Multipla di colore nero è piombato frontalmente contro un camion che sopraggiungeva in direzione di marcia contraria monti mare. 

Marche, l'assessore Saltamartini scrive al ministro: «Test gratis anche per 0-5 anni». E gli hub vaccinali non si trovano

 
Lo schianto è stato terrificante. L’auto è andata semidistrutta. Ai soccorritori si è presentata una scena straziante. Per l’uomo non c’era più nulla da fare. Morto sul colpo anche se quasi certamente è stato un malore a colpirlo. Al momento dell’impatto la vittima sembra si fosse già accasciata nell’abitacolo dell’auto. È successo ieri poco prima delle 13 all’altezza della località Smirra frazione di Cagli. In quel punto la strada si restringe da quattro a due corsie. Un particolare che però dice poco. La causa del disastro non è stata la velocità né l’imprudenza. Tantomeno le condizioni del tempo che erano buone.

«Un uomo bravo, stimato sempre ligio al suo dovere» racconta commosso Valter Scaglioni titolare della Vuesse Infissi che sorge a Pagino Furlo nel territorio del Comune di Fermignano nei pressi della Gola. «Da circa 14 anni lavorava da noi anche come camionista sempre puntuale e preciso. Per tutti noi è un dispiacere enorme la sua scomparsa. Mi sono recato suo luogo dell’incidente e mi sono reso conto di persona di quanto era successo di così grave». Un curriculum lavorativo di tutto rispetto con vari incarichi sempre portati avanti con grande compostezza. Sul luogo del disastro si sono portati i vigili del fuoco di Cagli e gli uomini della polizia di Cagli e Pesaro. La strada è stata chiusa per consentire i rilievi di legge. Il traffico è stato deviate nella strada secondaria che scorre parallela attraversando il piccolo borgo di Smirra. L’intervento di quanti accorsi sul posto dell’incidente per espletare tutte le formalità del caso si sono protratte per lungo tempo in attesa del nulla osta l’autorità giudiziaria per recuperare il corpo dell’uomo e sgomberare la sede viaria per riattiva il flusso veicolare. 

Un uomo solare che amava la vita, la sua famiglia, la moglie e i figli. Generose e benvoluto. Lascia un vuoto profondo in tutti coloro che hanno avuto modo di conoscerle e stimarlo. Il destino fatale ha spezzato ancora una volta i sogni e le aspettative di un’intera famiglia travolta dal dolore. La notizia del tragico schianto si è sparsa in un batter d’occhi da un angolo all’altro della cittadina cagliese e oltre. Numerose le telefonate che sono intercorse alla ricerca di notizie che tutti quanti auspicavano non corrispondessero al vero. Sono queste le ore del dolore e del rimpianto a Cagli. Un evento che ha scosso la quiete dell’intera comunità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA