Viaggio in Croazia per festeggiare la maturità: tre positivi e non vaccinati, gli altri in quarantena

Giovedì 5 Agosto 2021 di Chiara Azalea
Viaggio in Croazia per festeggiare la maturità: tre positivi e non vaccinati, gli altri in quarantena

CAGLI - Vacanza trasformata in odissea per una comitiva di sedici ragazzi cagliesi in Croazia per festeggiare la maturità. Partiti lo sabato 24 luglio dal porto di Pesaro con il traghetto veloce per l’isola di Pag, nella serata di martedì, la loro vacanza è stata bruscamente interrotta da un tampone positivo. 

 

La brutta sorpresa

Uno di loro, infatti, dopo aver riscontrato dei sintomi riconducibili al Covid19 si è sottoposto a tampone ed è risultato positivo. Immediato l’isolamento per tutta la comitiva, partita insieme con un viaggio organizzato da un’agenzia di Cagli. I quindici compagni di vacanza, dopo due giorni di isolamento in Croazia, si sono reimbarcati seguendo tutte le precauzioni, nel rispetto degli standard di sicurezza e distanziamento, e sabato mattina sono rientrati a Cagli per continuare la quarantena nelle loro case. Per il ragazzo positivo, invece, è stata organizzata una delicata e impegnativa operazione di rimpatrio gestita in tutti gli aspetti, sia burocratici che logistici, dal Comitato della Croce Rossa di Cagli. Un’ambulanza del Comitato cagliese è partita venerdì pomeriggio con tre volontari a bordo, e sabato mattina ha fatto rientro a Cagli riportando il giovane a casa. Durante il viaggio di ritorno il ragazzo è stato assistito da personale debitamente protetto con tutti i presidi di sicurezza. 

L’intervento

Un’operazione complessa e articolata gestita in maniera impeccabile dal comitato cagliese che ha garantito, tra mille difficoltà, il rientro a casa del giovane. Al rientro altri due compagni di viaggio sono risultati positivi al Covid 19. Nessuno dei tre era coperto dal ciclo vaccinale. Ad oggi, tutti gli altri ragazzi, immunizzati con almeno una dose di vaccino prima della partenza, hanno avuto esito negativo dal tampone e non hanno sviluppato sintomi. 
Alla fine di questa settimana, secondo la prassi, saranno sottoposti a nuovo tampone per scongiurare una non auspicabile positivizzazione tardiva. 
Grande l’apprensione delle famiglie e di tutta la cittadinanza per questa brutta avventura. «C’è stato un grande rispetto di regole e quello che si sarebbe potuto trasformare un focolaio o una situazione altamente critica, è stato contenuto e gestito. Tutti i ragazzi sono stati molto responsabili, la fase più preoccupante è stata superata e speriamo che tutto si risolva per il meglio» ha commentato il Sindaco di Cagli Alberto Alessandri che ha seguito tutte le evoluzioni della vicenda. «Approfitto per invitare tutti i concittadini che ancora non l’abbiano fatto a vaccinarsi nella nostra postazione a Cagli che sarà attiva nei sabati 21 e 28 agosto, dalle 8.00 alle 11.00, per le prime e le seconde dosi.

La risposta

«Ad oggi c’è stata una risposta importante, e stando ai dati di una decina di giorni, c’è stata una copertura che supera il settanta per cento” ha concluso il Sindaco, rinnovando l’invito a tutti i suoi concittadini a compiere questo piccolo / grande gesto di responsabilità civica.

 

Ultimo aggiornamento: 15:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche