Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cagli, bimbo morto per un'otite:
sotto accusa l'omeopata e i genitori

Cagli, bimbo morto per un'otite: sotto accusa l'omeopata e i genitori
2 Minuti di Lettura
Sabato 17 Marzo 2018, 11:48
CAGLI - Bimbo morto d’otite, la procura di Ancona ha concluso l’indagine per omicidio colposo a carico del dottor Massimiliano Mecozzi, omeopata, senza chiedere l’archiviazione. Sono accusati di concorso anche Marco Bonifazi e Maristella Olivieri, genitori di Francesco di 7 anni, morto il 27 maggio 2017 per un’otite che si è tramutata in un ascesso neurologico. Il medico secondo i periti dell’accusa ha agito con “negligenza, imprudenza e imperizia”. Mecozzi “non ha somministrato la terapia antibiotica trascurando del tutto i sintomi clinici”. Inoltre “ha effettuato la diagnosi corretta, otite, ma non ha capito la gravità della patologia continuando a somministrare al bambino prodotti omeopatici che in letteratura scientifica non possono essere prescritti oltre i 3 o 5 giorni”. Quanto ai genitori l’avviso di chiusura delle indagini li chiama in causa per non aver consultato un pediatra o un otorino nonostante l’inefficacia della terapia di Mecozzi.

In questi giorni sul tavolo dell’avvocato dell’omeopata, Enzo Carella, è arrivata anche la lettera dell’assicurazione che ha aperto il caso sul sinistro. A dicembre il nucleo investigativo del Comando provinciale dei carabinieri, ha dato esecuzione alla misura cautelare personale interdittiva diretta a Massimiliano Mecozzi, emessa dal Gip del Tribunale di Urbino Vito Savino. Dunque divieto di esercizio della professione medica per un anno per “la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze cautelari derivanti dal pericolo di reiterazione delle condotte”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA