A Cagli oltre 1600 speleologi da tutta Italia: cinque giorni di eventi e dibattiti

A Cagli oltre 1600 speleologi da tutta Italia: cinque giorni di eventi e dibattiti
A Cagli oltre 1600 speleologi da tutta Italia: cinque giorni di eventi e dibattiti
di Chiara Azalea
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Dicembre 2022, 03:40

CAGLI - Oltre 1600 speleologici provenienti da tutta Italia hanno riempito la città di Cagli, da mercoledì a domenica, protagonisti del raduno nazionale "Risorgenze, storie di acque e di uomini tornati dal buio", in collaborazione con il comune di Cagli, la Federazione Speleologica Marchigiana, il Gruppo Speleologico Urbinate, Spit Sport Outdoor e con il patrocinio dalla Società Speleologica Italiana e dell’Università di Urbino. Una cinque giorni ricca di eventi, mostre, docufilm, escursioni e tavole rotonde alle quali hanno preso parte personalità di spicco nel panorama internazionale.


I super ospiti


«Come co-organizzatori ci reputiamo molto soddisfatti sia per i contenuti esposti, sia per gli ospiti di calibro internazionale invitati, come Gigi Casati, Rick Stenton, Andrea Benassi, Filippo Felici, i fratelli Bolognini, parte del gruppo degli scopritori di Frasassi, che hanno riempito le sale in ogni ordine di posto. Grande la produzione scientifica che è stata redatta negli atti del raduno, bellissime le mostre fotografiche, i documentari anche in prima visione e diverse le esplorazioni estremamente importanti» ha commentato Michele Betti, presidente della Federazione Speleologica Marchigiana.


Una marea colorata di appassionati ha raggiunto la cittadina, visitandone le numerose attrattive culturali e turistiche, accolti in un clima di ospitalità e accoglienza. «E’ stato un bellissimo evento, ben strutturato. Siamo arrivati venerdì e abbiamo alloggiato nel dormitorio allestito nella palestra in via Fontetta. Siamo stati benissimo, abbiamo trovato gente accogliente e ospitale. Torneremo sicuramente a visitare questi bellissimi posti” commenta un gruppo di speleologi provenienti dal Trentino.


Tutto esaurito


Sold out le strutture ricettive del territorio, gremiti i ristoranti e i bar del centro e grande soddisfazione da parte degli operatori. «E’ un piacere lavorare così, abbiamo accolto moltissime persone, tutte sorridenti e gentili, e molto propensi ad assaggiare le tipicità enogastroniche del territorio” hanno commentato Alessandro Rossi e Micaela Ferri del Ristorante Fontes Sant’Angelo. Si è registrata qualche difficoltà logistica per parcheggi e viabilità nel centro storico, acuita da condizioni climatiche avverse e dall’inagibilità dell’Arena di Sant’Emidio, pesantemente colpita dallo scorso alluvione.


Il rilancio


«Chiedo di nuovo scusa ai cittadini, soprattutto della Piazzetta delle Erbe, per i disagi che possono essersi creati. Ci tengo a ringraziarli per il grande contributo che hanno dato a questa manifestazione che ha portato grande attenzione a Cagli - ha commentato il sindaco di Cagli e presidente dell’Unione Montana Alberto Alessandro - è stato un grande successo, eccezionale la qualità degli interventi e del programma dell’evento, con un grande ritorno per il nostro territorio. Ci auguriamo che possano esserci i presupposti per replicarlo negli anni, credo che sia una nicchia da non perdere che si sposa benissimo con i nostri territorio e con la nostra mentalità fortemente legata all’ambiente e alla natura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA