Bonus idrico di cento euro: sconto sulle bollette per le famiglie in difficoltà

Sabato 10 Aprile 2021 di Jacopo Zuccari
A San Costanzo l'avviso per il bonus idrico

SAN COSTANZO - Servizio idrico integrato, sono aperte le domande per il bonus da 100 euro sulla bolletta. La giunta comunale ha dato il via libera alle procedure per accedere alle compensazioni tramite avviso pubblico. L’iniziativa riguarda le famiglie che rientrano nella cosiddetta “fascia grigia” Isee, così come stabilito dall’ufficio servizi sociali guidato dalla dirigente Fiammetta Brunetti secondo le normative di settore.

LEGGI ANCHE;

Richiesta dei buoni spesa, continuano ad aumentare le famiglie in difficoltà

 

Una tantum
«Il bonus per nucleo familiare è di 100 euro. E’ un bonus una tantum che sarà riconosciuto dall’ente gestore Marche Multiservizi spa come deduzione dalle fatture del servizio idrico» rende noto l’amministrazione comunale. Tre i requisiti indispensabili per usufruire dell’agevolazione: la residenza nel comune di San Costanzo, il contratto di fornitura diretta o condominiale con Marche Multiservizi e l’attestazione del valore Isee superiore a 8.265 euro e fino a 14.000 euro.

La richiesta dovrà essere presentata compilando l’apposita modulistica, scaricabile dal sito istituzionale www.comune.san-costanzo.pu.it e debitamente firmata e corredata da copia dell’ultima fattura del servizio idrico, con indicazione del codice di servizio. In aggiunta serve una copia di un documento di identità non scaduto. I moduli devono essere inviati all’ufficio protocollo del Comune esclusivamente via email all’indirizzo protocollo@comune.san-costanzo.pu.it entro il 30 aprile. Ulteriori informazioni potranno essere richieste all’ufficio servizi sociali (0721-951241-39-25).

«Qualora la domanda di agevolazione provenga da una persona diversa dal titolare del contratto del servizio idrico il richiedente deve comunque appartenere al nucleo familiare di detto titolare e pertanto avere la medesima residenza – informa il Comune -. In tale caso è richiesta la dichiarazione che nessun altro soggetto facente parte del nucleo anagrafico abbia presentato la richiesta del bonus. Per gli utenti domestici diretti (ovvero gli utenti finali titolari di un contratto di fornitura del servizio idrico integrato) l’agevolazione sarà riconosciuta come deduzione dalla bolletta dell’acqua. Per gli indiretti (nel caso di forniture condominiali o comunque plurime con un unico contatore centralizzato) l’agevolazione sarà riconosciuta come deduzione dalla bolletta dell’acqua intestata al titolare del contratto di utenza». Il bonus sarà riconosciuto in base alla graduatoria che tiene conto della presenza di figli minori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA