Bolide attraversa il cielo notturno, avvistamenti anche sulla costa adriatica: «E' passato vicino ed è caduto in mare»

Lunedì 7 Marzo 2022 di Massimo Foghetti
Il bolide ripreso da una webcam nel cielo di Cesena

FANO - È accaduto poco prima delle 20 di sabato sera, poca gente in giro per il freddo e l’ora di cena, ma non sono mancati gli avvistamenti di un bolide, che ha attraversato la nostra penisola, solcando distintamente anche il cielo di Fano.

E’ apparsa improvvisamente una scia luminosissima rimasta visibile per alcuni secondi, non una stella cadente come quelle che si distinguono appena nella notte di San Lorenzo e subito spariscono, ma una meteorite ben più vicina e quindi apparsa di notevoli dimensioni, che invece di incenerirsi per l’attrito in atmosfera si ritiene che sia finita in mare.

 

Attraversata la penisola
Subito le segnalazioni sabato sera si sono rincorse sui social passando dall’Adriatico al Tirreno. Particolarmente sollecitata la pagina Facebook dei reporter di strada di Fano Tv: qualcuno ha dichiarato di aver udito anche un grande boato, altri sono rimasti meravigliati dall’inconsueto spettacolo, un paio erano convinti che la meteora fosse caduta a Sant’Orso o a San Cesareo, altri ancora si sono spaventati, suggestionati dalle drammatiche immagini diramate dai telegiornali sui bombardamenti con i quali l’esercito russo sta colpendo l’Ucraina; quasi tutti hanno provato un’emozione.

Il precedente di due anni fa
Nel complesso in tutta Italia sono state migliaia le persone che hanno visto il bolide tracciare una diagonale luminosa sul cielo notturno. Un precedente simile a Fano accadde il 28 febbraio 2020, di giorno, intorno alle 10.30, quando alcuni testimoni affermarono che una meteorite cadde in mare davanti alla nostra costa; dapprima ci fu un’esplosione in cielo, alcuni frammenti finirono in mare. L’altra sera è accaduto qualcosa di diverso, ma non meno spettacolare: la scia nel cielo notturno si è vista distintamente e qualcuno ha asserito che il corpo celeste si fosse inabissato nelle acque del mar Ligure. Per quanto riguarda il nostro territorio le segnalazioni si sono susseguite da Fano in tutto l’entroterra, fino poi a varcare la regione e coinvolgere diversi testimoni dell’Umbria e della Toscana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA