Arrestato per un etto di coca. Sotto il cambio dell'auto aveva anche una pistola finta

Sabato 16 Ottobre 2021 di Luigi Benelli
Il materiale sequestrato al giovane arrestato

VALLEFOGLIA - Il viaggio in Campania per rifornirsi di droga, l’appoggio da un amico a Vallefoglia, la base per lo smercio di stupefacenti. E in macchina una scacciacani, senza tappino rosso. Il personale della squadra mobile della Questura di Pesaro Urbino ha arrestato in flagranza un giovane incensurato trovato in possesso di 110 grammi di cocaina.

Gli investigatori gli stavano sopra e nell’ambito di specifici servizi volti alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, hanno proceduto al controllo all’uscita dell’autostrada al casello di Pesaro di un giovane di 28 anni proveniente dalla Campania, in compagnia di altri 3 coetanei.

I ragazzi erano nervosi
Nel corso della loro identificazione i ragazzi sono apparsi da subito agitati e nervosi e hanno dato informazioni scarse e confuse in merito al loro arrivo a Pesaro, lasciando trasparire numerosi sospetti sul loro viaggio.

Gli investigatori della squadra mobile, avendo “fiutato” che si trattasse di un probabile viaggio di approvvigionamento, hanno chiesto ai quattro giovani di riferire di un eventuale possesso di sostanze stupefacenti.

A seguito della richiesta, il giovane alla guida ha ammesso di detenere solamente uno spinello, che contestualmente ha tirato fuori dalle tasche del giubbotto che indossava consegnandolo agli agenti. Il ragazzo ha aggiunto di non avere nessun’altra sostanza stupefacente e, in merito al possesso di droga, tutti i presenti hanno detto di non averne.

Il nascondiglio nell'auto
A quel punto, gli investigatori tutt’altro che convinti hanno proceduto ad un lungo ed approfondito controllo dell’auto. Qui, in un vano ricavato all’interno del mezzo, sotto il cambio, hanno scoperto e sequestrato, 109 grammi di cocaina ed una pistola scacciacani in metallo priva di tappo rosso, simile per forma e dimensioni al modello originale in dotazione alle forze armate.

Oltre a ciò, è stato rinvenuto e sequestrato anche del denaro contante pari a 265 euro, ritenuto provento dell’illecita attività di spaccio. I poliziotti sono andati diritti all’abitazione dove il giovane viene ospitato da un amico, a Vallefoglia. Qui è stato recuperato, nascosto tra i suoi vestiti un’ulteriore involucro termosigillato contenente cocaina del peso di grammi 5,4 circa, nonché un bilancino di precisione perfettamente funzionante ed anche 24 grammi di marijuana, a conferma della fiorente attività di spaccio gestita proprio da quella base. Dunque un viaggio per rifornirsi.

La custodia in carcere
Il giovane è stato arrestato e ieri mattina il giudice per l’indagine preliminare del Tribunale di Pesaro ha convalidato l’arresto disponendo nei suoi confronti la misura cautelare della custodia in carcere. Il giovane, difeso dall’avvocato Giulio Maione, ha confermato gli addebiti mostrandosi collaborativo. L’obiettivo ora è quello di capire i canali di rifornimento e lo smercio in questa provincia. La dirigente della squadra Mobile Eleonora Cognigni sottolinea: «L’attività investigativa è svolta quotidianamente e ad ampio raggio, con particolare attenzione all’approvvigionamento di sostanze stupefacenti provenienti da altre regioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA