Facevano la spola in auto con 40 grammi di cocaina, fermati per un controllo anti-Covid: due arresti per spaccio

Venerdì 15 Gennaio 2021 di Osvaldo Scatassi
I carabinieri di Colli al Metauro

CARTOCETO - Cocaina dentro l’automobile e anche negli slip, un bilancino di precisione nascosto dentro la nicchia posteriore di un bidet e, per non farsi mancare nulla, anche alcune dosi di hashish. Due uomini residenti nella bassa vallata del fiume Metauro sono stati arrestati dai carabinieri per concorso in detenzione in droga ai fini dello spaccio. Nella giornata di ieri l’autorità giudiziaria ha convalidato il provvedimento e disposto per entrambi la misura cautelare degli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE:

LEGGI ANCHE:

 

Dosi nella vettura e negli slip
Un ventinovenne originario dell’Albania (abita nel Comune di Cartoceto, lavora nel settore della ristorazione) e un cinquantunenne impiegato, residente a Colli al Metauro, sono stati sorpresi con circa 40 grammi di cocaina. In precedenza i loro movimenti avevano attirato l’attenzione dei carabinieri in servizio alla stazione locale, perché erano entrati senza accorgersene nella maglia dei controlli organizzati per verificare il rispetto delle misure anti contagio. Aveva destato sospetti, in particolare, l’andirivieni della Fiat 500 nera su cui viaggiavano il ventinovenne e il cinquantunenne, che era stata notata mentre faceva la spola fra diverse abitazioni. Intorno alle 18 del 9 gennaio scorso i carabinieri della stazione a Colli al Metauro hanno deciso di vederci più chiaro e di conseguenza hanno fermato la vettura lungo la strada Flaminia, nel tratto a Lucrezia di Cartoceto, sottoponendo a un controllo i due uomini, che erano appena usciti da un condominio della zona.

Giovane tradito dal nervosismo
Il ventinovenne di origini albanesi, in particolare, sarebbe stato tradito dal linguaggio del corpo. Secondo i militi manifestava un nervosismo eccessivo rispetto alla situazione in essere e l’atteggiamento dell’uomo ha consigliato alla pattuglia di procedere ad accertamenti più approfonditi. Entrambi gli uomini sono stati quindi accompagnati alla caserma a Colli al Metauro: nascoste negli slip del ventinovenne c’erano quattro dosi di cocaina (gli involucri erano termosaldati), mentre all’interno della Fiat 500 nera sono stati scoperti altri 30 grammi di cocaina. La droga era nell’abitacolo della vettura, occultata fra i sedili. 
A quel punto i carabinieri di Colli al Metauro sono subito passati alle perquisizioni domiciliari nelle abitazioni dei due uomini.

A casa il bilancio di precisione
Dove vive il giovane albanese è stato rinvenuto del materiale che può essere usato per confezionare le dosi, insieme con una cospicua quantità di sostanza da taglio. Nell’abitazione cinquantunenne è stato trovato il bilancino di precisione, uno strumento che può permettere di misurare con esattezza il peso delle dosi e che era stato nascosto nella concavità posteriore del bidet, più alcune dosi di hashish e altro materiale ritenuto da confezionamento. Considerata questa serie di elementi, per prima la quantità non esigua di stupefacente, i carabinieri di Colli al Metauro hanno subito dichiarato in arresto sia il ventinovenne sia il cinquantunenne per concorso in detenzione di droga ai fini di spaccio. Per entrambi si sono aperte le porte del carcere a Villa Fastiggi di Pesaro e nella giornata di ieri il duplice arresto è stato convalidato dal giudice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA