Trump: «Guerra in Ucraina? Con me finirebbe in un giorno. Capitol Hill stato un giorno bellissimo»

L'ex presidente americano arriva nella tana del lupo, la Cnn, e a un evento di un'ora e mezza di fronte ad una platea di 400 elettori repubblicani

Trump: «Con me la guerra finirebbe in un giorno. Capitol Hill? È stato un giorno bellissimo»
Trump: «Con me la guerra finirebbe in un giorno. Capitol Hill? ​È stato un giorno bellissimo»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Maggio 2023, 08:12 - Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 10:02

Donald Trump show. L'ex presidente americano arriva nella tana del lupo, la Cnn, e a un evento di un'ora e mezza di fronte ad una platea di 400 elettori repubblicani delinea l'America che verrà, nel caso in cui tornasse alla Casa Bianca, dalla politica estera a quella interna. «Ho fatto un lavoro straordinario, per questo devo essere rieletto», esordisce il tycoon accolto da una standing ovation di suoi supporter.

In grande forma, nonostante sia la prima apparizione pubblica dopo essere stato accusato di aggressione sessuale nei confronti della scrittrice di Jean Carroll, e molto più frizzante - e a tratti offensivo con la giornalista che modera il dibattito - rispetto al comizio tenuto nella residenza di Mar-a-Lago subito dopo la storica incriminazione nel caso di Stormy Daniels, l'ex presidente Usa ne ha per tutti.

A partire dall'Europa. «L'Ue deve mettere più soldi per la guerra in Ucraina», attacca accusando Bruxelles di approfittarsi degli Stati Uniti. «Pensano che siamo stupidi», tuona Trump snocciolando cifre.

Trump colpevole di aggressione sessuale e diffamazione, condannato a pagare oltre 5 milioni alla scrittrice Jean Carroll

Il discorso

«Gli Usa hanno investito 171 miliardi di dollari, l'Europa ha un sacco di soldi, voglio che ne mettano di più», insiste. Se ci fosse lui alla Casa Bianca, sostiene, «la guerra in Ucraina finirebbe in 24 ore». Ma quando l'anchor della Cnn, Kaitlan Collins, gli chiede chi dovrebbe vincere lil conflitto se Kiev o la Russia lui non si sbilancia. «Voglio che la gente smetta di morire», si limite a dire. Quanto alla politica interna, il tycoon esorta i repubblicani a provocare il default. «Voglio dire ai deputati e ai senatori là fuori: se non vi danno i tagli alla spesa che volete provocate il default. È meglio di quello che stiamo facendo adesso: spendiamo soldi come marinai ubriachi», dice dettando la linea del Grand old party. E sull'aumento dei prezzi dell'energia propone la sua ricetta: «Trivella, baby, trivella».

Sull'altro argomento caldo, l'insurrezione del 6 gennaio, l'ex presidente mantiene la sua posizione e difende i rivoltosi assicurando che grazierebbe molti di loro. È stato un giorno bellissimo. Io ho parlato a una folla enorme. Il problema è che quella pazza di Nancy Pelosi e la sindaca di Washington non hanno voluto dispiegare la Guardia nazionale«, ha attaccato definendo l'ex speaker della Camera democratica con l'appellativo offensivo con il quale è solita chiamarla. »Io volevo dispiegare 1.000 uomini, ma loro non hanno voluto«, ha aggiunto l'ex presidente. »Ho chiesto a tutti i manifestanti di mantenere la protesta pacifica«, ha rivendicato Trump ribadendo che il voto del 2020 »è stato truccato«. E anche sull'ultimo processo, il tycoon continua a insistere di non conoscere la scrittrice Carroll arrivando addirittura a giurare sui suoi figli. Infine, sulle prossime elezioni, oltre a dare una stoccata al suo rivale più pericoloso - »sono davanti a DeSantis il 'bigottò di molti punti« -, Trump concede che accetterebbe qualsiasi risultato »ma solo se il voto fosse corretto«.

© RIPRODUZIONE RISERVATA