Ashton Kutcher e la malattia choc: «Non potevo vedere, sentire e camminare». Cosa è successo

L'attore: "Due anni fa ho avuto una rarissima forma di vasculite"

Ashton Kutcher e la malattia choc: «Non potevo vedere, sentire e camminare». Cosa è successo
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Agosto 2022, 13:12

Una rara malattia che gli ha impedito di vedere, sentire o camminare. Ad averne sofferto è stato Ashton Kutcher, l'attore 44enne che ha rivelato di essere stato colpito da vasculite. La confessione è avvenuta durante una puntata del programma tv Running Wild with Bear Grylls: The Challenge non ancora andata in onda e che verrà trasmessa lunedì prossimo su National Geographic.

Da JLo a Charlize Theron, le celebrity che crescono i figli senza etichette: a Hollywood è la rivincita del genere neutro

La vasculite 

 

Due anni fa», ha raccontato l'attore, «ho avuto una rarissima forma di vasculite» che «aveva messo fuori uso la mia vista, il mio udito, tutto il mio equilibrio. Non sapevo se sarei mai tornato a vedere, sentire, camminare. Ci ho messo un anno per recuperare i miei sensi». Una condizione talmente invalidante da fargli temere per la sopravvivenza: «Sono fortunato ad essere vivo». La vasculite è un'infiammazione che riguarda i vasi sanguigni e - si legge sul sito della Mayo Clinic - «può causare l’ispessimento delle pareti dei vasi sanguigni, riducendo la larghezza del passaggio attraverso il vaso. Se il flusso sanguigno è limitato, può causare danni agli organi e ai tessuti». 

 

I precedenti problemi di salute

Non è la prima volta che Ashton Kutcher si trova a fare i conti con problemi di salute rilevanti. Nel 2013, mentre lavorava al film su Steve Jobs, è finito due volte in ospedale per pancreatite. A raccontarlo è stata la moglie, Mila Kunis:  «A un certo punto era arrivato a mangiare esclusivamente uva. È stato un vero stupido. Siamo finiti in ospedale due volte con la pancreatite!», ha raccontato. Kutcher, per immedesimarsi nel personaggio di Steve Jobs, morto con un tumore al pancreas, aveva cominciato ad imitarne le abitudini alimentari mangiando solo frutta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA