«Ztl, basta caccia al posto auto la sosta serale va liberalizzata»

Venerdì 7 Febbraio 2020
IL FOCUS
PESARO Piantina del centro storico alla mano, presidente e consiglieri del quartiere, propongono una serie di modifiche, correttivi e migliorie legate alla sosta e alla vivibilità all'interno del perimetro della Ztl. Se è vero che aumentano i permessi per i residenti resta sempre il problema della carenza fisiologica di posti auto, soprattutto in alcune vie e tratti cerniera, dove sostare senza il rischio di incorrere in sanzioni. Nel documento che verrà consegnato all'ufficio Viabilità del Comune il prossimo 12 febbraio ci sono richieste per il miglioramento della sosta, la rimodulazione del carico-scarico merci e altre azioni di decoro per rendere più armonioso il salotto della città, soprattutto nell'asse esterno a via Branca-via Rossini.
Da dove si parte
Si parte da un dato che il presidente Luca Storoni con i consiglieri del quartiere centro Alessandra Nencioni, Alessando Bettini, Luciano Trebbi tengono a portare all'evidenza dell'Amministrazione comunale e dei competenti assessorati. Su 650 posti auto interni al perimetro Ztl i permessi rilasciati per l'accesso consentito sono 2 mila 400. Ma ad oggi manca la distinzione fra permessi per soli residenti, dimoranti o per chi è possessore di garage. Partendo dalla necessità di riequilibrare il rapporto fra permessi rilasciati e sosta riservata ai residenti, la prima questione da affrontare al tavolo con l'Amministrazione è relativa al recupero di posti auto. Per questo il quartiere centro chiede di rimodulare almeno in alcuni tratti, gli attuali divieti di sosta 0-24 sull'esempio della modifica autorizzata a suo tempo in corso XI Settembre dove nel tratto tra le vie Cartella e Cavour è stata liberalizzata la sosta serale tra le 20 e le 8 (dalle 8 alle 20 resta invece il divieto) sul tratto dei numeri civici pari.
La controproposta
«La controproposta presa in esame dal consiglio di quartiere anticipa anche il consigliere Bettini prevede comunque l'introduzione di una fascia oraria 19-9 con la possibilità per i residenti di parcheggiare in orario serale e la notte, nelle fasce meno impattanti per la viabilità in ingresso e a favore di chi in orario serale raggiunge locali e ristoranti. Va certamente favorita la possibilità di sosta per tutti quei residenti senza garage. In tutto il perimetro centrale sono state segnalate alcune vie e zone più critiche di altre, ne sono un esempio alcuni tratti fra Corso XI Settembre, via Passeri, via Mazza, via Cartella, via Sabbatini e l'asse di via Belvedere, una delle vie più ampie, dove gli spazi a parcheggio sono utilizzati dai residenti in loco mentre si nota una sproporzione nel resto del centro storico, dove sostano anche residenti di altre zone». C'è poi la richiesta da discutere sulla possibilità del rilascio di permessi a tempo. Un'azione possibile nel momento in cui saranno installate ai varchi le nuove telecamere digitalizzate acquistate dal Comune, che potranno leggere l'orario di entrata e il tempo di permanenza all'uscita. Resta da definire la fascia oraria dedicata all'ingresso di mezzi per il carico-scarico o per gli automobilisti non residenti senza permesso.
Possibilità di uniformare
Passi carrabili: per uniformare la viabilità in ingresso e in uscita dal perimetro centro-mare, il quartiere chiede anche la verifica di una serie di altre piccole situazioni lasciare da tempo in sospeso, ma che se affrontate potrebbero permettere il recupero di altri posti auto. «Nel corso dei sopralluoghi effettuati osserva anche la consigliera Alessandra Nencioni è emerso il nodo di passi carrabili da controllare e situazioni di cambi di destinazioni d'uso degli edifici. Per esempio è stata documentata la presenza in centro di spazi o locali con annesso garage ma poi trasformati. Spazi, dove all'ingresso è presente il cartello passo carrabile ma di questi non si sa ad oggi se permane o meno il divieto. Si tratta di spazi che potrebbero essere utilizzati per recuperare i posti necessari alla sosta».
Letizia Francesconi
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA