Telecamere e illuminazione la stazione diventa più sicura

Venerdì 14 Febbraio 2020
LA RIQUALIFICAZIONE
PESARO Più luce e controlli in piazzale Falcone-Borsellino e un nuovo spazio d'attesa in sicurezza per i pendolari del trasporto pubblico locale. La partnership fra Ami e Comune riparte dal progetto di valorizzazione e riapertura al pubblico della sala d'attesa, chiusa ormai da un paio d'anni della stazione delle corriere. Più in generale si parla di un intervento di miglioramento e riqualificazione, che interesserà non solo gli spazi interni ma si allargherà anche all'area esterna fra i locali adibiti alla biglietteria, le attività economiche vicine e il perimetro riservato all'attesa dei bus.
Lo spazio
Più servizi quindi per cittadini e utenti, ma anche più controllo in uno spazio da sempre sensibile alle problematiche della sicurezza. Soddisfatto il direttore Ami, Massimo Benedetti che annuncia l'imminente avvio dei lavori e il loro completamento in primavera. La vecchia sala d'attesa era stata chiusa due anni fa per motivi di mancata sicurezza e atti di vandalismo, che allora si erano verificati nell'area delle autocorriere. Una chiusura forzata per l'acuirsi di situazioni a rischio fra bivacchi e danneggiamenti soprattutto in orario serale. Il nuovo progetto di sistemazione nato dalla collaborazione fra società di trasporto e Comune vedrà rinascere quello spazio in tutta sicurezza per un investimento che si aggira intorno ai 15mila euro necessari a rendere fruibili i locali.
La sicurezza
«Dire trasporto locale, significa anche prendersi cura degli spazi aperti alla cittadinanza e agli utenti in genere entra nel merito il direttore Benedetti la nuova sala d'aspetto sarà uno spazio funzionale, accogliente, dotato anche di monitor informativi sui servizi di trasporto, ma soprattutto sarà uno spazio sorvegliato. Al suo interno grazie agli interventi di migliorie e ampliamento, trasferiremo anche l'attuale biglietteria, oggi in uno spazio ristretto attiguo ai nuovi locali di sistemare, in questo modo gli utenti avranno un luogo non solo coperto ma anche funzionale per accedere ai servizi, dalla semplice richiesta di informazioni, alla biglietteria fino al pagamento di verbali e alla sottoscrizione degli abbonamenti». Ìl progetto si allarga anche al perimetro esterno alla sala d'attesa. Le attuale vetrate laterali ai locali Ami, saranno protette e risistemate e tutto per scongiurare atti di vandalismo o spaccate, che si sono verificate in passato.
Le richieste
A garanzia della sicurezza interna, rimarca Benedetti il sistema video esistente sarà potenziato. Consapevoli di trovarsi in uno spazio sensibile per le continue segnalazioni fra l'area della stazione, via dell'Acquedotto e il piazzale degli autobus, l'Amministrazione con l'assessorato alla Sicurezza incentiva l'illuminazione pubblica. Quattro nuovi punti luce illumineranno di più il piazzale esterno, nello spazio del Monumento alla Resistenza, e altri saranno montati fra le autocorriere e la stazione ferroviaria . Altre poi saranno le telecamere video che sorveglieranno l'esterno alla biglietteria, presidiando anche lo spazio alle spalle dei locali Ami. Accogliendo le istanze di utenti, residenti e attività economiche, il servizio Lavori Pubblici proseguendo gli interventi di pulizia e antidegrado, ha ripulito nei giorni scorsi tutta quell'ampia area a parcheggio, che si snoda proprio sul retro della stazione autocorriere, dove l'incuria era evidente anche per il via e vai di soggetti a rischio ed episodi di microcriminalità o spaccio.
Il decoro
«Ora a vista, la percezione è certamente migliorata ci spiega, l'addetto allo sportello della biglietteria Ami l'intervento di bonifica farà certamente da deterrente, soprattutto per punti dell'intero perimetro poco presidiati e difficili da raggiungere in caso di necessità anche dalle forze dell'ordine. La prossima azione che si ritiene utile sarebbe ora la previsione di almeno altre due telecamere di videosorveglianza, anche nell'area sul retro, che presidierebbero il parcheggio alle spalle e l'andirivieni dalla stazione».
Come è oramai noto a tutti una situazione di decoro e di controllo rende le aree molto più sicure e soprattutto non invita vandali e balordi a dare il meglio di sé finendo di distruggere le cose già traballanti. L'operazione
Letizia Francesconi
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA