Il Comune batte cassa in Regione Presenta la lista delle emergenze

Venerdì 30 Ottobre 2020
LE CAIE DOLEANCE
PESARO Il Comune batte cassa alla Regione inviando le sue proposte per l'utilizzo dei fondi emergenziali. A Pesaro elaborato un documento programmatico da inoltrare alla Regione Marche, che parte dall'emergenza in corso per venire in aiuto alle attività economiche e interi comparti messi quasi ginocchio dagli ultimi provvedimenti restrittivi.
Il documento
E' questo il senso dell'atto formale che l'Amministrazione comunale il sindaco Matteo Ricci e l'assessore alle Attività Economiche, Francesca Frenquellucci, stanno elaborando con l'intento di farlo arrivare entro pochi giorni, al tavolo del governatore Acquaroli e della sua giunta. Il documento contiene una serie di punti con azioni concrete e rapide per spingere l'ente regionale a trovare risorse aggiuntive, e dare ossigeno alle categorie economiche più colpite. Dopo molti anni per l'amministrazione pesarese si tratta di interloquire con un'amministrazione di segno politico opposto, situazione che potrebbe rendere l'intesa più complicata. Secondo quanto chiarito fino a questo momento complessivamente il tavolo anticrisi riunisce oltre 48 soggetti fra rappresentanti del mondo associativo, imprenditoriale e del credito, referenti dei Comuni del territorio, imprenditori e gestori di attività al pubblico e servizi. Le categorie: nel documento sono riportati i filoni di azione principali su cui Comune e associazioni di categoria chiedono di intervenire. Accanto a quei settori già noti della ristorazione, del food e del turismo, che sono scesi in piazza negli ultimi giorni, si chiede di inserire fra le categorie colpite e da aiutare anche il trasporto privato e in particolare la categoria dei taxisti su tutto il territorio provinciale.
I trasporti
E' stata proprio Confartigianato con la referente pesarese, Silvana Della Fornace, a chiedere di pensare ad una riconversione del settore trasporti privati a beneficio dell'emergenza, e successivamente del turismo. A partire dall'opportunità attivata dal Comune di Pesaro per voucher-buoni spesa, Confartigianato ha chiesto di comprendere anche il trasporto privato e dare la possibilità a famiglie o altri utenti in genere, di utilizzare quei buoni, riconvertendo il taxista quale figura erogatore di nuovi servizi utili alla collettività nell'emergenza, come può essere per esempio il trasporto di utenti o pazienti fragili per visite mediche, terapie e per l'acquisto dei medicinali o semplicemente per la comune spesa. Altra categoria su cui l'Amministrazione chiede un aiuto regionale è la cultura e più specificatamente lo spettacolo dal vivo teatrale e musicale.
Il supporto
Ed ancora il supporto dell'ente regionale viene chiesto per le politiche d'impresa, come ha osservato Cna con il suo referente Antonio Bianchini: «Si ricevono già negli ultimi giorni in associazione diverse segnalazioni di imprenditori dell'indotto manifatturiero e della filiera dell'arredo locale - precisa Bianchini che rischiano di trovarsi con magazzini quasi al completo per quelle produzioni destinate all'export europeo, e come nel caso di un imprenditore pesarese che rischiano di rimanere bloccate dopo il lockdown totale appena disposto in Francia. Si chiede per questo un'attenzione della Regione verso l'export delle nostre imprese».
Le richieste
Tutte le associazioni di categoria partecipanti al tavolo hanno ribadito l'importanza di ricevere non una contribuzione a pioggia, ma contributi mirati per le singole categorie colpite, che siano funzionali come ristoro ma con risorse che possano contribuire al loro rilancio, terminato il periodo di restrizioni . E' da Pesaro che parte anche la richiesta per ottenere dall'ente regionale un supporto finanziario e tecnico da destinare ai Comuni in particolare quelli più grandi come Pesaro, Fano e Vallefoglia, che potranno così mettersi a disposizioni delle imprese e delle varie attività, localizzate nei Comuni più piccoli del territorio fino a 5 mila abitanti.
Letizia Francesconi
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA