Scuola, si riparte: un ritorno in classe per 41.684 studenti

Mercoledì 15 Settembre 2021
L'ISTRUZIONE
MACERATA Una nuova dura ma necessaria prova per la scuola. Che da quest'anno sarà, letteralmente, l'istituzione di guardia contro il covid. Indicate dalla Regione delle scuole sentinella. Sono i plessi dove sperimentare i test salivari. Monitorati, a campione, alunni di scuole primarie e secondarie di primo grado nell'arco di due mesi con tamponi salivari da prelevare in quattro momenti (ogni quindici giorni).
Gli studenti
Complessivamente in provincia sono coinvolti 1.906 studenti, 1.184 di elementari e 730 delle medie. Un insieme dal quale ne dovranno essere selezionati, tramite invito (con firma di consenso dei genitori), 469 (291+178). Indicati cinque plessi, tre di primarie e due di secondarie di primo grado, per ognuna delle quattro somministrazioni di salivari. Queste le prime scuole interessate. Primarie: Enrico Fermi di Montecassiano, Ugo Betti di Camerino e Anna Frank di Macerata; Secondarie di primo grado: via Santa Lucia di Belforte del Chienti e Ugo Betti di San Ginesio. Ma la novità più importante per gli studenti di ogni ordine e grado è potersi ritrovare tutti insieme in classe come non accadeva da marzo 2020.
I numeri
Un esercito di 41.684 alunni maceratesi entreranno contemporaneamente in 2.078 classi (media di 20 alunni in ogni aula). Sono 5.946 gli iscritti a scuole dell'Infanzia (21 ogni sezione in media), 12.279 alla Primaria (18 a classe), 8.262 alla Secondaria di Primo Grado (20,4) e 15.197 alle superiori (21,5). Troveranno ad accoglierli dirigenti scolastici divisi tra l'entusiasmo di aprire un anno scolastico che sia il più normale possibile e i timori derivanti dalle novità normative, green pass su tutti.
I presidi
Claudio Bernacchia è dirigente dell'liceo scientifico di Recanati e dell'istituto professionale Bonifazi di Civitanova. «Siamo pronti, ogni cosa è al suo posto. Per quanto riguarda il green pass, la piattaforma realizzata per i controlli è attiva e funzionante. Devo dire che nell'ambito della nostra attività non vedo difficoltà. Ripartiamo fiduciosi. Chiaro che non possiamo sapere cosa accadrà con il virus. Ma il messaggio da lanciare è che la scuola c'è». Riguardo il problema di classi affollate, Bernacchia ammette che «classi consistenti ci sono» ma aggiunge anche che si è riusciti a garantire lo stesso distanziamento lo stesso previsto l'anno scorso. «Per quanto riguarda i docenti e il personale scolastico chiude Bernacchia ci sono poche unità senza green pass ma si parte senza alcun problema sull'attività didattica e quella dell'Ata, completamente coperte».
Il trasporto
Per quanto riguarda il trasporto scolastico, garantiti 56 bus aggiuntivi come da piano della Prefettura. A Macerata Roberta Ciampechini dirige l'Ite Gentili e il liceo scientifico Galilei. «Abbiamo predisposto 5 varchi di accesso al liceo e 3 all'Ite spiega e riproponiamo anche la ricreazione. Abbiamo predisposto due turni, tra la seconda e la terza ora e tra la terza e la quarta. Gli studenti potranno uscire seguendo i segnali a terra. Vogliamo recuperare questo importante momento di socializzazione. Abbiamo previsto anche impianto di ricircolo dell'aria. Sono ancora in corso lavori al liceo. Abbiamo anche effettuato le prime riunioni con i genitori delle classi prime, quelli con il green pass, come prevede la legge». Anche all'Alberghiero di Cingoli è tutto pronto per accogliere i circa 630 studenti. 40 le classi che non saranno sdoppiate. Pronta anche la stanza (come l'anno scorso) che sarà utilizzata in caso che qualcuno durante le lezioni manifestasse sintomi di Covid. «I controlli per il personale scolastico attraverso la piattaforma green pass ha spiegato la dirigente scolastica Antonella Canova si è svolta in modo regolare. Funziona molto bene. Continueremo invece con il controllo dei green pass all'entrata per quanto riguarda i fornitori e i genitori. I laboratori apriranno entro fine mese. Quest'anno i convittori saranno oltre che al convitto Calabresi anche al Palazzo Cima. In tutto sono più di un'ottantina. Fra qualche settimana siamo intenzionati a riaprire anche il ristorantino e il bar didattico interno. Dobbiamo definire alcune cose».
Leonardo Massaccesi
Emanuele Pagnanini
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA