Nuovo Centro fiere: imprevisto superato lavori a pieno ritmo

Martedì 19 Ottobre 2021

LA STRUTTURA
MACERATA Operai al lavoro e cantiere che procede speditamente nel rispetto del cronoprogramma quello del nuovo Centro fiere di Villa Potenza. Questo nonostante l'handicap della forzata sostituzione di una ditta che lavora i prefabbricati inserita nel raggruppamento di imprese che si è aggiudicata l'appalto dell'opera che è fallita ed il cui iter di sostituzione è in atto proprio in queste settimane ad opera di una nuova azienda che interverrà nello stesso settore dei prefabbricati.
La situazione
«Questo avvicendamento di società all'interno del raggruppamento di imprese che lavora al nuovo Centro fiere non comporta alcun rallentamento nella ristrutturazione del sito afferma l'assessore ai Lavori pubblici Andrea Marchiori - per cui saranno rispettati i tempi di consegna della struttura che deve essere completata entro 500 giorni dal via al cantiere (settembre 2022, ndr). In questi giorni si sta effettuando il getto della torretta che si trova all'ingresso del Centro fiere, non c'è stato alcuno stop dovuto a questa situazione della ditta che è fallita, anche perché la stessa si occupava dei prefabbricati, una fase che non era ancora entrata nel vivo della lavorazione per cui si può dire che questa spiacevole situazione verificatasi è accaduta in una fase del cantiere che non ne prevedeva ancora l'intervento. Altrimenti ciò avrebbe comportato tempistiche più lunghe essendoci di mezzo questo iter fallimentare che riguarda una delle aziende che sono dentro la rete di imprese che si è aggiudicata l'appalto. Si sta intervenendo per la sostituzione di questa azienda con i passaggi ed i tempi che necessitano in questi casi».
L'impegno
A seguire la vicenda il dirigente dei Servizi tecnici del Comune, l'ingegnere Tristano Luchetti, cui la Francucci ha inviato la comunicazione del fallimento di un'azienda del gruppo e la volontà delle imprese facente parti del raggruppamento di sostituirla con un'altra, nello specifico a subentrare sarà la Af Foresi Engineering di Morrovalle. Rileva in particolare l'ingegner Luchetti, nella determina che è stata pubblicata all'albo pretorio del Comune di Macerata, che «preso atto che la mandataria Francucci srl ha comunicato l'intervenuta sentenza di fallimento della ditta mandante con la sua conseguente perdita dei requisiti quale partecipante al raggruppamento temporaneo aggiudicatario, e la disponibilità della ditta Af Foresi Engineering srl di Morrovalle a subentrare nello stesso avendo i requisiti di qualificazione richiesti per la realizzazione dei lavori in casi come quello di cui trattasi relativi ad un mandante del raggruppamento, la possibilità del mandatario di indicare altro operatore economico subentrante che sia in possesso dei prescritti requisiti di idoneità, rilevato che la ditta ha i requisiti di qualificazione adeguati ai lavori da eseguire, che non sono ancora iniziati, e ha presentato apposito documento autocertificando i requisiti generali che verranno controllati prima della stipula di apposita appendice contrattuale che recepisca la modifica soggettiva indicata». Si è dunque in attesa che questo controllo del Comune sia concluso per accendere il contratto con l'azienda che si occuperà dei prefabbricati da installare. Dunque avanza a grandi passi il più grande cantiere della città: il restyling del Centro fiere è uno degli interventi di maggior rilievo anche per il valore dell'opera, il cui costo complessivo è di 12.783.114 euro. Il progetto prevede la riqualificazione dei due padiglioni centrali, che saranno potenziati per accessibilità, sicurezza, funzionalità e igiene. Accanto alla bonifica delle coperture in amianto già effettuata, verrà data una nuova veste architettonica con rivestimento in vetro e acciaio, mentre tutta l'area verrà dotata di servizi di connettività avanzati. I due padiglioni saranno collegati tra loro, e con un terzo spazio contenente uffici, aule seminariali e didattiche. L'intervento prevede oltre alla ristrutturazione dei padiglioni fieristici il rifacimento dell'edificio direzionale che diventa traino per l'intero centro: qui saranno ospitati oltre ai servizi propedeutici al polo fieristico, aule polifunzionali, sede delle associazioni di Protezione civile, spazi espositivi, sale conferenze e manifestazioni, aree per il commercio e la ristorazione.
Mauro Giustozzi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA