«Necessario recuperare la storica sede del Convitto»

Venerdì 14 Agosto 2020
MACERATA La Provincia di Macerata nei giorni scorsi si è aggiudicata circa 10 milioni di euro grazie a un bando del Ministero del 2014 - per la realizzazione di una scuola innovativa che andrà a occupare un'area verde di 60 ettari di proprietà dell'Ente provinciale che si trova vicino alla sede dell'Agraria. Un plesso moderno, all'avanguardia, che non dimentica l'attenzione all'ambiente e che si inserisce in un importante contesto verde che andrà a ospitare circa 500 studenti. Ancora da stabilire quale sarà la scuola che andrà a occupare il nuovo edificio e le tempistiche di realizzazione dato che il progetto è al momento della fase preliminare. Fondi del Miur esattamente 9,7 milioni di euro che non riguardano né quelli del sisma, né quelli del Covid, né quelli straordinari dell'edilizia scolastica e che la Provincia ha ottenuto grazie al lavoro costante degli uffici tecnici che hanno intercettato e vinto il bando.
La soddisfazione
«Eccellente il risultato raggiunto dall'amministrazione provinciale di Macerata e in particolare dal suo Presidente Antonio Pettinari e dall'intero staff dei suoi collaboratori nell'aggiudicarsi un finanziamento di quasi dieci milioni di euro per la realizzazione di un nuovo istituto scolastico a Macerata il commento del consigliere comunale Paolo Micozzi -. Avremo quindi tre nuove scuole in città e di questo dobbiamo andare fieri; si supereranno le attuali difficoltà logistiche e in particolare si darà una sede maceratese consona all'Ipsia e, mi auguro, si potranno superare quelle divisioni che hanno visto contrapposte istituzioni pubbliche o anche scuole tra loro ha concluso Micozzi -. Resta un ultimo tassello: il recupero del Convitto; immobile prestigioso quanto la sua scuola e questo è un obiettivo che vorremmo raggiungere con la prossima amministrazione a guida Narciso Ricotta».
r. m.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA