MACERATA Allarme rapine in provincia, è l'ennesimo caso dall'inizio di ottobre,

Mercoledì 4 Dicembre 2019
MACERATA Allarme rapine in provincia, è l'ennesimo caso dall'inizio di ottobre, dalla costa all'entroterra. E gli autori sono quasi sempre stati consegnati alla giustizia. A Macerata il 28 settembre rapina in farmacia in via dei Velini, bandito subito in manette. A Civitanova lo scorso 14 ottobre un uomo del Fermano era entrato nel punto vendita Benetton, lungo il corso, e aveva minacciato i dipendenti. Soltanto un giorno dopo, sempre lui e sempre tenendo in mano una siringa, nascosta sotto il giubbetto, aveva fatto irruzione nella farmacia Foresi, in via Duca degli Abruzzi, riuscendo a scappare con l'incasso. Nei giorni scorsi l'uomo è stato individuato dalla polizia in Abruzzo e arrestato. A fine ottobre, a Matelica, un uomo di 45 anni aveva minacciato la cassiera, facendo il gesto di avere una pistola nascosta dentro la tasca della felpa. Una volta arraffati i soldi, 770 euro, era scappato, ma la sua fuga era durata assai poco: infatti, era stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Camerino e della stazione di Matelica, in un bar poco distante. Il 30 ottobre scorso, ancora a Civitanova, questa volta nel borgo storico, un rapinatore era entrato nella farmacia De Giovanni, minacciando il direttore e una farmacista con un cavatappi di legno. Lo scorso 22 novembre, infine, i carabinieri di Tolentino hanno individuato i due rapinatori che qualche mese fa avevano rapinato, armati di coltello, alle 9.40 del mattino, il supermercato Sì con Te, in viale Brodolini, a Tolentino. Il 23 novembre, infine, arrestata una donna di 47 anni aveva tentato una rapina nella tabaccheria Corazza di via Cecchetti, a Civitanova, la sera del 12 novembre.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA