L'ASSESSORE MARCHIORI: «UN LAVORO INTENSO COMPIUTO IN POCO TEMPO»

Venerdì 30 Aprile 2021
LA STRATEGIA
MACERATA La giunta comunale ha deliberato l'approvazione di due progetti di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di due nuovi poli d'infanzia in città: uno nel quartiere Corneto e l'altro nel quartiere Le Vergini. Il Comune parteciperà al bando del Ministero dell'Istruzione per la realizzazione dei due nuovi plessi scolastici ai sensi dall'articolo 1, comma 59, della legge 27 dicembre 2016 n. 160 e in attuazione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30 dicembre 2020.
I dettagli
Come stabilito dal bando, la presentazione delle richieste di contributo riguarda progetti relativi a opere pubbliche di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei Comuni destinati ad asili nido, a scuole dell'infanzia e a centri polifunzionali per i servizi alla famiglia. L'obiettivo riguarda la costruzione di nuovi edifici scolastici per migliorare i servizi in quartieri in via di espansione, offrire un potenziamento dell'offerta formativa e un miglioramento del livello qualitativo degli spazi attualmente assegnati a questa fascia di popolazione scolastica/pre-scolastica. Dopo un'attenta analisi delle reali esigenze della città e dei requisiti richiesti dal bando, gli uffici, insieme all'assessore ai Lavori pubblici Andrea Marchiori e all'assessore all'Istruzione Katiuscia Cassetta, hanno individuato due location: una nel quartiere Corneto e l'altra a Le Vergini su aree di proprietà del Comune e con destinazione urbanistica compatibile con i plessi scolastici.
Le cifre
La spesa preventivata per la realizzazione è di 3 milioni di euro per ciascuna struttura. I due progetti saranno proposti nella prossima seduta del consiglio comunale per l'approvazione con contestuale variazioni del programma triennale delle opere pubbliche. «Con l'inserimento di questo importante indirizzo politico nel Piano triennale delle opere pubbliche, coerente con il nostro programma elettorale, manteniamo fede all'impegno preso a fine anno di aggiornare il Piano stesso nei primi mesi del 2021 ha dichiarato l'assessore Marchiori -. I due progetti sono frutto di un lavoro intenso compiuto in poco tempo, quello stringente dettato dal bando, a dimostrazione che la nuova amministrazione ha ben chiaro quale sia l'interesse dei cittadini: nelle nostre scuole, frequentate dalle nuove generazioni, metteremo a disposizione ambienti sicuri, confortevoli e tecnologicamente all'avanguardia per favorire l'insegnamento e l'educazione».
Sempre per quanto riguarda il mondo della scuola, prosegue il progetto So.Stare, promosso dalla giunta comunale. Taccuino, scarpe da tennis e soprattutto di nuovo insieme: gli studenti delle scuole maceratesi alla scoperta della città con il trekking urbano. Ieri mattina uscita didattica accompagnati dagli insegnanti e dalle guide ambientali di Risorse Cooperativa. «Finalità - spiega l'amministrazione comunale maceratese - promuovere l'importanza e la salvaguardia dell'ambiente urbano e naturale, vivere esperienze emozionali di contatto con il territorio e sensibilizzare verso forme alternative di mobilità e attività all'aria aperta». So.Stare è un progetto del Comue, sostenuto dal Dipartimento politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei ministri.
Daniel Fermanelli
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA