IL COLLOQUIO
MACERATA Narciso Ricotta non risparmia critiche nei confronti del

Mercoledì 20 Ottobre 2021

IL COLLOQUIO
MACERATA Narciso Ricotta non risparmia critiche nei confronti del sindaco Parcaroli. Il consigliere comunale del Partito democratico va già duro anche nell'analisi della gestione della movida. «Più che una decisione amministrativa, quella del primo cittadino sembra una enciclica», esordisce l'esponente dell'opposizione.
L'affondo
«L'invito rivolto ai giovani a comportarsi bene è più che giusto, ma un amministratore deve assumere anche decisioni che prevengano e limitano i comportamenti scorretti. Intanto ha sbagliato, poco dopo il suo insediamento, ad aprire il traffico alle auto in centro permettendo il parcheggio in piazza e mutando così l'equilibrio di vivibilità tra residenti, commercianti, giovani e frequentatori del cuore della città. Non bisogna penalizzare i ragazzi che si comportano bene, né i commercianti a cui dice di tenere molto ma che in realtà penalizza con queste ordinanze. Occorre garantire il controllo del territorio con turni costanti notturni della polizia locale. I vigili, semplicemente con la loro presenza, prevengono situazioni di eccesso e se necessario fanno scattare le sanzioni. Per il resto, già in consiglio comunale abbiamo sollevato il problema dei residenti che hanno difficoltà a trovare posti per parcheggiare. Tornando alla movida, oltre all'invito a comportarsi bene, servono atti amministrativi seri e coerenti».
La considerazione
«È l'ennesimo dietrofront. Non si può fare un'ordinanza e poi modificarla perché i commercianti protestano. E poi annullare anche questa e firmarne una terza - conclude il consigliere Ricotta, ex assessore comunale -. Questi sono provvedimenti ondivaghi. Occorrono invece provvedimenti concertati, che durino nel tempo, per permettere una consuetudine di comportamenti corretta e la vivibilità del centro storico».
d. fer.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA