Diciannove anni da compiere a dicembre per Giulia Angelucci. La giovane cingolana

Mercoledì 1 Luglio 2020
Diciannove anni da compiere a dicembre per Giulia Angelucci. La giovane cingolana ha come sogno nel cassetto quello di diventare ricercatrice. Prima, però, lo scoglio della maturità che, tuttavia, è passato in fretta come l'onda che ha spazzato via l'ansia dell'esame. «La difficoltà maggiore è stata la poca chiarezza da parte del Governo sulla proposta da realizzare e le linee guida da seguire per prepararsi - ha spiegato Giulia, 110 e lode al liceo classico Leopardi di Macerata -, durante la preparazione a casa abbiamo sperimentato cosa vuol dire studiare a distanza e approfondito i collegamenti interdisciplinari possibili tra le materie». Il colloquio, di conseguenza, si è poi dimostrato non proprio differente a quelli del passato: «La preoccupazione c'è stata ma penso sia naturale - ha detto -, il ritrovarci comunque davanti ai nostri professori ci ha consentito di scioglierci in fretta». La notte prima della maturità è stata anche per Giulia decisamente atipica: «Non ci siamo potuti incontrare, ma il momento più bello è stato rivedersi alla conclusione di tutte le prove orali - ha raccontato -, ci siamo dati appuntamento davanti la scuola e abbiamo compensato il fatto di non aver nemmeno potuto fare insieme l'ultimo giorno di scuola». Per il prosieguo dei suoi studi, la ragazza di Cingoli ha potuto approfittare del sostegno morale della sua insegnante di matematica e fisica: «Mi ha davvero offerto numerosi spunti di riflessione - ha concluso -, il mio obiettivo è adesso frequentare la Facoltà di Fisica a Camerino. Una città vicina che offre varie opportunità di borse di studio, oltre ai rapporti con le Università estere e gli stage. Per la laurea magistrale vedremo in futuro: il mio sogno è diventare ricercatrice in astrofisica. Non mi spaventa allontanarmi, in questo periodo di lockdown ognuno di noi ha imparato a contare sulle proprie forze. Nonostante tutto posso dire che si è trattato di una esperienza che ci sarà utile».
Andrea Mozzoni
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA