Sul palco gli studenti top «Forza, voi siete il futuro»

Venerdì 13 Settembre 2019
LA CERIMONIA
FERMO Un vero ed autentico momento di festa quello che i 139 alunni eccellenti tra i licenziati alla terza media con 10 e lode e i diplomati con 100 e lode e 100 delle scuole superiori della provincia di Fermo hanno vissuto ieri nel teatro di Porto San Giorgio. La cerimonia è stata organizzata dall'Ufficio scolastico provinciale Ascoli Fermo insieme all'Isc Nardi di Porto San Giorgio.
Le cifre
Sono 48 gli ex alunni delle scuole medie ad aver ricevuto l'attestato per il 10 e lode, consegnato anche ai 15 diplomati con 100 e lode e ai 76 con 100. Il teatro gremito, come per gli spettacoli dei grandi personaggi, i ragazzi emozionati, i genitori contenti, i presidi e alcuni professori soddisfatti, e anche alcuni amministratori orgogliosi dei propri residenti hanno voluto festeggiare quelli che il vicesindaco di Porto San Giorgio, nonché assessore alle politiche scolastiche, Francesco Gramegna, ha definito «giovani del nostro presente prima ancora che del nostro futuro, ecco perché le scuole e le famiglie devono sempre lavorare insieme. Bello averli qui oggi, loro che sono eccellenti, nel nostro teatro, eccellenza di Porto San Giorgio». Sul palco sono salite proprio tutte le eccellenze: quelle scolastiche nell'ambito dello studio, quelle nell'ambito musicale, con tre intramezzi eseguiti dagli ex allievi delle scuole Fracassetti e Da Vinci di Fermo, e Nardi di Porto San Giorgio.
La musica
I musicisti in erba hanno suonato in apertura, poi l'attore teatrale Stefano Tosoni ha recitato un testo, a tema studente, di Alessandro D'Avenia. «Qui oggi stiamo facendo una vera festa dell'eccellenza, una festa degli studenti, che a scuola hanno potuto esprimere i propri talenti» ha detto Rita Forlini, in rappresentanza dell'Ufficio scolastico provinciale di Ascoli-Fermo. Il premio è nato negli anni scorsi per volontà del Ministero per valorizzare le eccellenze alla fine dei percorsi di studi ed esaltarle non è per nulla inutile, il pensiero, ancora della Forlini: «Valorizzarli vuol dire ipotecare il nostro futuro». Un futuro che per i ragazzi che hanno ottenuto la licenza di terza media significherà la scuola superiore e, a giudicare da quanto loro stessi hanno detto a Giancarlo Mariani, giunto a Porto San Giorgio da Ancona in rappresentanza dell'ufficio scolastico regionale e del direttore Marco Ugo Filisetti, andranno in maggioranza al liceo classico e allo scientifico di Fermo. Per i diplomati, invece, il compito di parlare delle proprie scelte universitarie, o delle decisioni in materia di lavoro.
Il futuro
Quanto alle scelte universitarie, alcuni dei premiati delle superiori non erano presenti: molti di loro sono già all'Università impegnati nei test di accesso, e quindi, laddove non ci sono stati familiari a ritirare i riconoscimenti, saranno i dirigenti scolastici a farglieli recapitare. Proprio due di loro hanno tenuto a fare un saluto ai giovani saliti sul palco. «Sono onorato, come preside, da questi ragazzi premiati e do il benvenuto ai nuovi che arriveranno» il commento del dirigente del Liceo classico, Piero Ferracuti. «Anche io saluto gli studenti» ha detto la dirigente Stefania Scatasta, per l'Ipsia Ricci e per lo stesso Preziotti Licini. A tutti «buon proseguimento degli studi, buon proseguimento lavorativo, buona vita», l'augurio da parte sua di Giancarlo Mariani.
Chiara Morini
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA