FERMO Nuova richiesta alla classe politica da parte di Confindustria Centro Adriatico:

Giovedì 21 Gennaio 2021
FERMO Nuova richiesta alla classe politica da parte di Confindustria Centro Adriatico: «Prorogare il credito d'imposta per gli investimenti nell'area del cratere sismico e approvare il bando per la Zona Franca Urbana». L'associazione imprenditoriale chiede che, all'interno della discussione in corso presso le commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio della Camera, venga deciso il prolungamento dell'efficacia del Credito d'imposta per gli investimenti - Sisma Centro Italia, scaduto il 31 dicembre scorso. «L'assenza di tale proroga pregiudica non poco le prospettive future di rilancio dell'economia di territori in cui si legge nella lettera inviata dal presidente di Confindustria centro Adriatico Simone Mariani al commissario straordinario per la ricostruzione Giovanni Legnini e ai parlamentari fermani e ascolani i devastanti effetti, diretti ed indiretti, della pandemia stanno aggravando drammaticamente una situazione economica e sociale che già da decenni è segnata da carenze strutturali di attrattività e competitività e che dal 24 agosto 2016 è compromessa pesantemente dalle conseguenze e dai contraccolpi del sisma». Inoltre, l'associazione ha esortato la pubblicazione dell'Avviso pubblico collegato alla Zona Franca Urbana per la presentazione delle domande di finanziamento a favore delle nuove iniziative imprenditoriali e delle imprese colpite dal sisma perché, malgrado il Decreto Legge Agosto abbia previsto la proroga dei benefici fiscali e contributivi della Zfu fino al 2022, e stanziato risorse per 150 milioni di euro, con il passare del tempo c'è il rischio di depotenziare l'effetto incentivante dello strumento agevolativo. Le richieste dell'imprenditoria locale verso la politica e gli enti locali a partire da Roma si stanno accumulando in attesa di risposte. Le imprese del territorio, strette fra la crisi legata al Covid e i disagi del post terremto, hanno bisogno di sostegni.
Massimiliano Viti
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA