PUBBLICHE
ASCOLI Dal ponte sul Tronto alle nuove piazze, dalla pedonale ovest

Mercoledì 24 Luglio 2019
PUBBLICHE
ASCOLI Dal ponte sul Tronto alle nuove piazze, dalla pedonale ovest al parco sportivo: la macchina operativa per ridisegnare il volto di Monticelli prosegue la corsa tra interventi già ampiamente avviati e altri da concretizzare dopo una fase procedurale piuttosto complessa. La rigenerazione del popoloso quartiere cittadino, finanziata a suon di milioni (18 in totale) con fondi del Governo destinati alle periferie e intercettati dall'Arengo, prosegue e si prepara ad entrare subito dopo l'estate nella sua fase più calda. E' proprio a settembre, infatti, che si riprenderà in mano il percorso per il ponte di collegamento tra Monticelli e Castagneti (costo: oltre 7 milioni di euro) con la conclusione di tutti gli espropri da completare per poter consentire la realizzazione degli innesti della struttura e della connessa viabilità. Poi si dovrà sbloccare il progetto esecutivo che aprirà le porte alla gara europea, con tutto il suo lungo iter. Nel frattempo, sempre dopo l'estate, si dovrebbero completare alcune delle opere già avviate nel quartiere e si dovrebbe sbloccare anche la realizzazione dei famosi 27 alloggi popolari dopo l'intesa raggiunta tra Erap, Arengo e Regione. Per il maxi-ponte che collegherà Monticelli con Castagneti, che come noto costerà oltre 7 milioni di euro, a settembre si completeranno come detto - gli espropri per gli innesti e la viabilità, poi si dovrà approvare il progetto esecutivo e, a seguire, avviare tutta la procedura per la complessa gara di appalto dei lavori. «Tutto procede secondo cronoprogramma conferma il sindaco Marco Fioravanti stiamo andando avanti con tutti i progetti previsti. Per quel che riguarda il ponte, a settembre saranno completate tutte le necessarie procedure di esproprio per poi varare il progetto esecutivo».
La gara
Proprio per quel che riguarda la gara, già nella fase conclusiva della scorsa legislatura, intascata l'approvazione della variante urbanistica da parte di Piceno Consind insieme a tutti gli altri pareri necessari, l'Arengo aveva deciso di semplificare il percorso pensando, anche alla luce di nuove rimodulazioni, di richiedere alle ditte che parteciperanno di includere nella somma anche il previsto intervento per la viabilità di accesso al ponte. In pratica, inserendo questa ulteriore opera con la realizzazione di una rotatoria e altri interventi a Castagneti, all'interno dello stesso appalto e, quindi, ferma restando la somma destinata inizialmente solo alla realizzazione del ponte. In questo si tenterebbe di risparmiare si tempo, eliminando le gare accessorie per la viabilità, che denaro.
Gli altri interventi
Ma la rigenerazione di Monticelli passerà attraverso ad altri interventi di matrice pubblica, oltre alcuni con promotori privati (anch'essi già in parte avviati). Nello scenario complessivo, infatti, sono già stati appaltati e avviati i lavori per la pedonale ovest, la sistemazione delle aree pubbliche e piazze tra la scuola media, la ludoteca comunale Riù e la chiesa di San Giovanni evangelista e la realizzazione del parco attrezzato per lo sport in via dei Narcisi, vicino alla scuola elementare. Alcuni, come nel caso della pedonale, hanno visto anche delle rimodulazioni in corsa, dettate anche dalle esigenze riscontrate durante gli approfondimenti tecnici in tal senso. Tutte queste opere, comunque, hanno avviato (e alcune hanno ormai completato) il loro percorso. Luca Marcolini
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA