La funivia per accedere alle zone panoramiche attorno a colle S. Marco

Martedì 19 Novembre 2019
LA VALORIZZAZIONE
ASCOLI C'è anche l'ipotesi di realizzazione di una funivia o piccoli impianti a fune per accedere alle zone panoramiche attorno al colle San Marco, tra i progetti inseriti nel programma dell'Amministrazione comunale, per questa legislatura, mirati alla valorizzazione delle bellezze naturali del territorio ascolano. Una funivia che, secondo l'Arengo, dovrebbe essere in grado di permettere l'accesso ad aree remote di montagna, punti panoramici o monumenti che sarebbero difficilmente raggiungibili senza tali infrastrutture. «Come mezzi di trasporto adattabili singolarmente alle condizioni di una regione o al terreno specifico, - si legge nella relazione di mandato - le funivie possono infatti superare grandi ostacoli senza problemi. Grazie alla progettazione minimamente invasiva, gli impianti si inseriscono in modo pressoché invisibile nell'ambiente circostante, senza stravolgere l'aspetto della meta di un'escursione». Quindi, si intenderebbe realizzare questi percorsi possibili attraverso impianti a fune per consentire a potenziali turisti di vedere punti e scorci altrimenti non godibili. Previsti, nella stessa ottica, anche «costanti interventi di pulizia e mantenimento del decoro per valorizzare e promuovere i tanti sentieri escursionistici già presenti sulla montagna, con l'obiettivo di creare un vero e proprio circuito di sistema, favorendo tutte quelle tipologie di attività che ben si adattano all'ambiente della montagna». Prevista anche la valorizzazione degli itinerari paesaggistici presenti quali ad esempio il sentiero degli eremi tra Marche e Abruzzo alle pendici dei Monti Gemelli (Montagna dei Fiori e Montagna di Campli), da valorizzare anche a scopo educativo, attraverso la creazione di aule ambientali e attività di pratica sportiva. «Ascoli secondo quanto scrive l'Amministrazione comunale - dovrà recuperare il ruolo di capoluogo del territorio, da intendere sempre più come bene comune da tutelare e valorizzare anche attraverso la realizzazione di nuove infrastrutture che consentano di farne ammirare le sue bellezze».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA