IL PROGETTO

Sabato 6 Marzo 2021
Tutela del suolo e prevenzione del rischio idrogeologico ed alluvioni. Il Comune di Appignano del Tronto partecipa agli Accordi agroambientali d'area (Aaa), nell'ambito del piano di sviluppo rurale della Regione Marche. «Questi accordi - spiega il sindaco Sara Moreschini - si attuano mediante un progetto d'area che prevede una serie di azioni collettive, finalizzate ad un obiettivo agro ambientale, che coinvolgono varie aziende ricadenti nell'area dell'intervento. Gli obiettivi sono la tutela del suolo e la prevenzione del rischio idrogeologico ed alluvioni, la tutela della biodiversità e la tutela delle acque. Grazie a questo progetto il Comune, insieme a diverse aziende agricole locali e con il supporto delle associazioni di categoria, Cia, Coldiretti e Vinea, ha avviato un processo di condivisione partito lo scorso anno che ha previsto una prima fase di ricognizione delle problematiche locali, stabilendo poi gli obiettivi da raggiungere utilizzando le misure di finanziamento che la Regione Marche ha messo in campo nell'ambito del progetto. Si tratta di una progettazione complessa e lunga, ma molto interessante e utile con un obiettivo che guarda lontano: dalla rigenerazione dei suoli per combattere i cambiamenti climatici, all'aumento del valore degli ecosistemi fino alla riduzione dell'erosione superficiale nei suoli produttivi e alla sistemazione della viabilità rurale». Alcune cifre: 22 le aziende agricole aderenti, 31 interventi su 14 siti, mediante la presentazione di domande d'aiuto riferita a 6 sottomisure del Psr Marche 2014-2020. «Ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato fino ad ora a questo progetto - conclude il primo cittadino di Appignano del Tronto - e crediamo che investire in agricoltura di qualità e nella sua sostenibilità ambientale sia la giusta direzione per rigenerare le aree interne. Lavoriamo insieme alle aziende e ai sindacati a questa terza fase di progettazione che terminerà a fine aprile».
e. p.
© RIPRODUZIONE RISERVATA