S indaco Damiano Costantini, come è la situazione Covid oggi a Chiaravalle?
«Gli

Lunedì 22 Febbraio 2021
S indaco Damiano Costantini, come è la situazione Covid oggi a Chiaravalle?
«Gli abitanti di Chiaravalle sono oltre 14.600 e i dati sull'incidenza del Covid creano diverse preoccupazioni: 112 sono le persone che risultano positive al virus e 232 quelle in quarantena. In pochi giorni i positivi sono aumentati sensibilmente. Qualche giorno fa erano 70».
Il suo collega di Jesi, Massimo Bacci, per primo ha deciso di dichiarare l'intero territorio zona arancione. Cosa ne pensa ora che il governatore Acquaroli ha stabilito di estendere la zona arancione a 20 comuni dell'Anconetano, tra cui Chiaravalle?
«Nella nostra cittadina, come in quasi tutta la provincia, il trend di positivi è purtroppo in crescita. Sono reduce da una videoconferenza con Acquaroli, la presidente dell'Anci Marche e i sindaci dei Comuni dell'anconetano maggiormente colpiti dalla pandemia. Il governatore firmerà domani mattina (oggi, ndr) un'ordinanza per adottare delle misure restrittive che entreranno in vigore da martedì fino alle ore 24 di sabato 27 febbraio. Sarà valida per Chiaravalle e anche per altri 19 comuni della Provincia, tra cui alcuni confinanti con Chiaravalle, come Monte San Vito, Camerata Picena, Falconara e Jesi».
La situazione nel territorio anconetano rischia di sfuggire di mano. Cosa state facendo per cercare di mettere un freno ai contagi in crescita?
«Con Acquaroli e l'assessore regionale alla sanità, Filippo Saltamartini, si è compreso che i criteri applicati dal sindaco Bacci a Jesi sono corretti e da estendere anche ad altri comuni dove il virus sta correndo più velocemente. Ecco perché sono d'accordo con quanto espresso dall'Anci e recepito dal governatore».
Nel frattempo cosa state facendo?
«Stiamo continuamente monitorando la situazione che non può essere sottovalutata».
In che modo?
«Siamo a stretto contatto con il servizio sanitario e con l'ente regionale con cui praticamente abbiamo incontri online giornalieri. Abbiamo deciso di seguire il metodo di provvedimenti univoci, decisi per l'intero territorio a parità di gravità di situazioni».
Gianluca Fenucci
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA