«Le Marche sono una delle regioni più irraggiungibili d'Italia».

Martedì 21 Settembre 2021

«Le Marche sono una delle regioni più irraggiungibili d'Italia». Le parole pronunciate domenica dal ministro allo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti al Micam non sono suonate come una rivelazione della sibilla a chi il territorio lo vive tutti i giorni. L'A14, che proprio nel sud della nostra regione diventa collo di bottiglia d'Italia; l'alta velocità su ferro, poco più di un lontano miraggio; un aeroporto che, dopo una lunga storia di disastri, stava per rialzarsi ma viene rimesso in ginocchio dal Covid.
I punti ciechi
Sono solo alcuni dei punti ciechi a livello infrastrutturale con cui le Marche devono scontrarsi quotidianamente. Nell'estate del 2020, il Corriere Adriatico ha prodotto un nutrito dossier su tutti i nodi da sciogliere per far uscire la regione dall'isolamento. Un isolamento tanto più incomprensibile se si considera la posizione geograficamente baricentrica che occupa. Ma appurato che ci sia un problema da risolvere e finalmente ne prende atto anche un membro di peso del governo , ora che si fa? Qual è la soluzione?
Bene ci aiuti lei signor ministro
«A Giorgetti vorrei dire: aiutateci ad avere gli slot per Milano e Roma - inquadra subito una delle principali falle nei collegamenti Francesco Merloni, il grande saggio dell'imprenditoria made in Marche -. Noi non abbiamo mai abbandonato l'aeroporto ed anche ora stiamo cercando di dare vita ad una compagnia aerea per realizzare le tratte verso i due importanti hub nazionali. Il problema è che questi slot ci erano stati promessi da Alitalia, ma ora non c'è più e non sappiamo se riusciremo ad ottenerli. Giorgetti può fare molto, ci dia una mano». Insomma, riconoscere un problema è il primo passo, e Giorgetti l'ha fatto. Ma non basta questo a risolverlo. «Noi marchigiani siamo sempre stati i più lontani da Milano fa notare Merloni ed è compito dello Stato aiutare le regioni per colmare i gap». E la palla torna così nella metà campo della politica. «Se è vero che siamo irraggiungibili, si adoperino per raggiungerci», la logica stringente di Abramo Levato, direttore generale dell'azienda ascolana Hp Composites, difficile da confutare. «Quali siano le nostre necessità è noto a tutti: A14, alta velocità ferroviaria, un aeroporto che finalmente funzioni. Il problema è che poi nessuno fa niente per dare risposte nelle cosiddette stanze dei bottoni. Per chi è abituato alla fabbrica, le polemiche sfumano nell'aria: ci vuole piglio pragmatico. E non sarebbe male avere un rappresentante politico marchigiano con esperienza industriale». Fin qui le colpe della politica. Ma il mondo produttivo regionale si è speso abbastanza per far sentire la propria voce? C'è stata un'azione di lobby per stimolare Roma? «Confindustria ha portato le istanze in merito alle infrastrutture sui tavoli nazionali», sottolinea Levato. Peccato però che le Marche parlino per voce di cinque Confindustrie diverse e a sé stanti. Una disgregazione che non aiuta: «se fossimo uniti, l'azione di lobby sarebbe sicuramente più efficace», l'osservazione del dg. Il presidente di Confindustria Marche Claudio Schiavoni smarca invece il settore: «su questo tema non si possono incolpare gli imprenditori. Il nodo dei limiti infrastrutturali è politico, noi possiamo farci poco. Ma se finalmente abbiamo trovato un ministro pronto a sedersi e ad ascoltare le nostre istanze, bene: abbiamo la lista della spesa pronta. Intanto, mi fa piacere che qualcuno se ne sia accorto», ironizza il numero uno degli industriali marchigiani. Non avere infrastrutture materiali e di rete ci penalizza: oggi sopravvivono solo le imprese che esportano e noi non riusciamo ad uscire dalla regione. I risultati si ottengono se si lavora insieme: politica ed imprenditori devono far arrivare le istanze a chi ha potere decisionale, così da portare a casa quanto più possibile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA