Le antiche fontane perdono acqua Scatta il restyling

Mercoledì 22 Gennaio 2020
STOP AL DEGRADO
ANCONA Un investimento complessivo di 170mila euro, in programma già quest'anno, per il restauro di sei fontane storiche. « L'obiettivo - spiega la giunta - è quello di qualificare gli spazi pubblici della città, attraverso la valorizzazione degli elementi monumentali che li caratterizzano». Le fontane storiche hanno bisogno di interventi manutentivi costanti, ricorda la giunta, ma in alcuni casi «è ormai necessario un intervento straordinario e consistente che, per la natura monumentale del bene, richiede approccio progettuale e tecniche esecutive di restauro». Le fontane di cui si prevede il restauro sono: fontana dei Cavalli di piazza Roma (50mila euro) ; fontana delle Tredici cannelle di corso Mazzini (32mila euro), fontane centrale e laterale di Piazza del Plebiscito (25mila euro); fontana del Filello - Volto dei Seniori (50mila euro) e fontana di Piazza Stamira (13mila euro). La fontana delle Tredici Cannelle (o del Calamo) era stata sottoposta a un restauro generale ed approfondito, seguito dalla Soprintendenza, nel 1989 e nel 2006 era seguito un lavoro di pulizia della vasca e del basamento in pietra, oltre alla manutenzione dell'impianto idrico. Le patologie di cui soffre sono le stesse della fontana dei Cavalli di piazza Roma: un naturale invecchiamento dell'impermeabilizzazione della vasca e al degrado dovuto al proliferare di microalghe e depositi biologici che hanno intaccato stuccature e reintegri. Il restauro conservativo del Calamo, bene monumentale tutelato dalla Soprintendenza, prevede una nuova intonacatura delle pareti interne della vasca ed il rifacimento del sistema di illuminazione, ormai corroso ed inefficace. Anche la fontana di piazza Stamira «necessita della sigillatura degli elementi lapidei che costituiscono il catino e di una completa reimpermeabilizzazione della vasca».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA