ANCONA «Io posso andare a testa altissima, quello che mi dà forza sono

Sabato 9 Novembre 2019
ANCONA «Io posso andare a testa altissima, quello che mi dà forza sono i tanti messaggi di stima che ho ricevuto, anche da persone che conosco poco: sono commosso da tutto questo affetto». Non solo si professa innocente, ma si dice «determinato ad andare avanti con energia» Stefano Foresi, assessore alle Manutenzioni, chiamato in causa dall'indagine sui presunti casi di corruzione a Palazzo. Ipotesi di reato che non riguarda in alcun modo Foresi, indagato per altri sospetti inadempimenti che nulla hanno a che vedere con l'operato del geometra arrestato o con i presunti appalti truccati. «Chi mi conosce sa quanto lavoro e quanto tempo dedico al servizio della mia città, sette giorni su sette, senza pausa: in sette anni di assessore non ho mai utilizzato l'auto del Comune. Figuriamoci». L'inchiesta coinvolge tanti tecnici e funzionari del Comune, come l'architetto Giacomo Circelli, direttore dello Sportello unico integrato per l'edilizia e il commercio: il giorno di Halloween aveva ricevuto nel suo ufficio un pacco pieno di sterco proveniente dalla Germania. Il sospetto è che si sia trattato di un avvertimento da chi forse sapeva che sarebbe scoppiata la bomba a Palazzo.
s. r.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA