ANCONA «Alla nuova Assemblea della Regione Marche chiediamo di non ostacolare

Domenica 27 Settembre 2020
ANCONA «Alla nuova Assemblea della Regione Marche chiediamo di non ostacolare l'iter sul quale prossimamente dovrà pronunciarsi il Senato per il passaggio all'Emilia Romagna di Montecopiolo e Sassofeltrio». È il succo del lungo appello dei Comitati Montecopiolo e Sassofeltrio in Romagna, inviato alla Regione dal coordinatore Agostino D'Antonio. I due Comuni tirano un sospiro di sollievo: «Il risultato delle elezioni amministrative regionali nelle Marche come una svolta importante nel panorama politico e nel governo regionale. Un rovesciamento degli equilibri politici che va sicuramente interpretato come una domanda di cambiamento. Abbiamo conosciuto direttamente il retaggio autoritario e totalizzante del Pd e dei suoi portaborse nei nostri confronti, - attaccano i Comitati - nei confronti del nostro referendum e dei nostri diritti costituzionali. La sconfitta di questi avversari è la sconfitta di un sistema politico impegnato a garantire sé stesso e le proprie clientele, piuttosto che i diritti e le aspirazioni dei cittadini. Criteri e metodi contrari allo sviluppo civile, sociale ed economico di una società moderna». La storia di questo passaggio agognato e mari realizzato risale al 2007 quando i due Comuni hanno sostenuto un referendum per il passaggio alla Regione Emilia Romagna, il cui risultato favorevole fu superiore all'80%. «In campagna elettorale - continua la nota - abbiamo ascoltato molti pareri alcuni dei quali poco convincenti, di chi affermava che il compito di risolvere la questione dei Comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio, dopo il voto della Camera, sia solo del Senato. Se così fosse, resta da capire come sia riuscita l'Amministrazione Ceriscioli a ritardare e bloccare l'iter dopo il voto della Camera».
© RIPRODUZIONE RISERVATA